mercoledì, maggio 15, 2013

Long Wei beve il bubble tea!


Quella qui sopra è la splendida cartolina realizzata da Luca Genovese per la campagna promocard legata a Long Wei.
Dalla settimana prossima la cartolina sarà distribuita nei locali milanesi e verrà regalata a chi passa a trovarci alla conferenza che terremo a Full Comics.
Vuoi vedere il retro della cartolina?
Eccolo qua!


Prendi nota:
Full Comics. Il 24 maggio 2013, alle 15, presso L’Urban Center all'interno della Galleria Vittorio Emanuele, a Milano, siamo chiamati a partecipare ad un incontro sul Marketing Editoriale, dove racconteremo tutto quello che abbiamo fatto per promuovere Long Wei.
Oltre al sottoscritto ci saranno: Luca Enoch, che parlerà di Dragonero e Mirko Perniola che racconterà di Anno Domini in uscita digitale.
Il tutto verrà moderato dal direttore editoriale di Fumo di China, Loris Cantarelli.
Tutte le informazioni del caso le trovi cliccando qui.
Verranno distribuite delle copie del numero zero di Dragonero, mentre noi…
Noi regaleremo questo:


Il biscotto della fortuna di Long Wei.
Sempre a Full Comics, dopo la conferenza, ci sarà la cerimonia di consegna del “Gran Premio Autori ed Editori 2013”.
Long Wei è in nomination in quattro categorie. Si vota on line, basta cliccare qui, mettere il like sulla pagina ed esprimere la propria preferenza.
Ti ricordo che il primo numero di Long Wei sarà in edicola a partire dal 31 maggio, e che nei prossimi giorni aggiornerò sulle altre novità in arrivo!



2 commenti:

felsonblog ha detto...

Bellissima la cartolina, le avrei trovato un posto d'onore in casa peccato che venerdì alle 15 è un orario infelice per chi come me lavora e vive in provincia.
Evabé, aspetterò buon buono l'uscita del numero 2.

Nexx ha detto...

Mi spiace dirlo, ma era dai tempi della Granata Press che non vedevo una stampa di qualità così scandente. Spero fosse solo la partita di numeri capitata al mio giornalaio ad avere questo difetto (pastone ignobile di inchiostro che passa da parte a parte la pagina), perché i bei disegni in questo modo vengono penalizzati da morire e il prodotto non si presenta bene come meriterebbe.