venerdì, marzo 22, 2013

Venerdì zombie, reprise!


Tempo fa ho fatto un post su Undead Trinity, un web comics a tema zombesco che potete leggere cliccando qui.
Poi, ho passato i tre giorni di Cartoomics accanto allo stand della Umbrella. Così, il mio vecchio amore per gli zombie è rifiorito in modo vigoroso.
Continuo a non sopportare la serie TV di The Walking Dead. Però ho preso il fumetto in edicola e mi è piaciuto davvero un botto.
Zombi. Considerando che Undead Trinity va avanti che è una bellezza, che sto per ordinare su Amazon tutta la serie a fumetti di TWD, che i vecchi amori non si scordano mai, ne approfitto per parlare un po’ di morti viventi.
Tiro fuori dai meandri del mio computer un paio di pezzi sugli zombie che avevo scritto ai tempi di Garrett.
Era la mia rubrica di approfondimento sui morti viventi. Un po’ di documentazione, un po’ di curiosità.
Il titolo originale era: STAYING ALIVE! Rubrica sui morti, per gente viva.
Ne ho scritte tre, una per volume. A partire da oggi, saranno i post del venerdì, i testi sono stati smanazzati per l'occasione.


Haiti è una splendida isola.
È il posto giusto per il turismo all inclusive: una nazione serena e pacifica, famosa per le rivolte di massa a colpi di machete, le torture dei Ton Ton Macoute, la follia dittatoriale della famiglia Duvalier, e la benevolenza innata della popolazione locale.
Tra le molte cose che Haiti ha esportato nel mondo, spiccano il voodoo e il concetto di “morto vivente”.
Lo zombi “nasce” (si fa per dire) lì, tra le palme e le piantagioni di cotone, in un background estremamente violento.
Uno dei modi di concepire lo zombi è dunque strettamente legato al voodoo. Quello è il modo classico, tipico del buon vecchio horror in bianco e nero di una volta, prima di Gorge Romero.
Lo zombi, in origine, appartiene in un contesto sociale, storico e geografico circoscritto e preciso. Con una spiegazione sovrannaturale altrettanto precisa, legata all’intervento di un “loa” del voodoo.
Ma procediamo con ordine.
Per prima cosa servono un “bokor” o una “mambo”: stregoni voodoo in grado di risvegliare i morti, oppure di rubare l’anima a un vivo, come preferite.
Grazie ai poteri di uno stregone, è possibile evocare un “loa”, cioè un affabile demone haitiano. Con il suo intervento, ci si impadronisce dell’anima del soggetto umano prescelto, trasformandolo, al momento della morte, in uno schiavo fedele, sotto il completo controllo del suo padrone.
Detto questo, che cosa ce ne facciamo di uno zombie, ad Haiti?
Lo usiamo come manodopera a costo zero nelle piantagioni, per esempio.
Oppure non ce ne facciamo niente, e diventa il simbolo della nostra potenza di stregoni. Può essere trasformato per vendetta in seguito a uno sgarro. O, magari, ci piace la moglie di un tizio, ma lei non ci sta, e noi gli zombifichiamo il marito.
Questo morto vivente non ha il morso contagioso, non attacca l’uomo (a meno che non gli venga ordinato) e obbedisce al suo padrone come un cagnolino.
Secondo tradizione, lo zombi non deve mai mangiare cibo contente sale o assaggiare il sapore del sangue umano, altrimenti lo stregone perde il controllo della sua creatura.
Ad Haiti gli zombi ci sono davvero.
Punto.
Nel 1976 gli inviati di una rete televisiva francese intervistarono un certo Narcisse Clovis, un ex zombie, internato in una clinica psichiatrica di Port Au Prince.
Ne seguì un lunghissimo studio scientifico sullo zombie haitiano, che portò a un’interessante conclusione, resa nota al mondo intero, nel 1984, dallo scienziato Wade Davis: l’unico occidentale a possedere la famosa “polvere degli zombie” .
Se per fare un tavolo ci vuole il legno, per fare uno zombie ci vuole il pesce palla.
Dalle ghiandole del paffuto animaletto, il cui nome scientifico è Tetrodon Cutcutia, si estrae infatti una tossina devastante, nota come Tetradotossina.
Ne basta un milligrammo per uccidere una persona. Ma, seguendo la ricetta segreta del voodoo, con il veleno del pesce palla è possibile realizzare una droga: la polvere degli zombi, che contiene un potentissimo alcaloide allucinogeno. Somministrata a una vittima, la porta a uno stato di morte apparente.
Secondo Davis, il cervello rimane in parte cosciente. La vittima “vive” consapevolmente la propria “morte”. E l’esperienza del proprio funerale e della propria tumulazione conduce alla follia.
Se in più ci aggiungiamo le conseguenze dell’avvelenamento (lo “sballo da pesce palla”), capiamo perché gli zombie sembrano decisamente rincoglioniti e camminano caracollando.
Sono dei tossici.

(continua venerdì prossimo)

8 commenti:

Cinedipendente ha detto...

Posso farti una domanda: esistono documentari in italiano (o perlomeno sottotitolati) sull'argomento. Mi piacerebbe vedere questi "narco-zombie" manicomiali!

Cinedipendente ha detto...

scusa lo sciopero dei punti interrogativi a coda delle domande. chissà... ? ? eccoli.

Irina ha detto...

Vero, la serie tv non vale quella a fumetti. Che ne pensi degli zombi (cinematografici, non politici) italiani?

Diego Cajelli ha detto...

@Cinedipendente
Il librazzo che ho usato per scrivere gli articoli ha una ricca bibliografia.
Però l'ho lasciato in studio...
Lunedì ti posto info precise!
:-)


@Irina
Ho amato tantissimo Zeder.
Poi, ho una dissennata passione per Incubo sulla città contaminata.
Fulci un po' meno...

Irina ha detto...

Bello Zeder, conosco molto bene anche i posti dove è stato girato, mio padre da bambina mi ha portata in gita a "quella" colonia, che era ormai un rudere e metteva ancora più strizza. Incubo sulla città contaminata è un mio personal cult, come anche e forse di più (sempre di Lenzi) Spasmo, Milano odia e Ghosthouse (di cui farò presto una recensione sul mio blog). Fulci lo adoro, ma stranamente meno i suoi film zombeschi e più quelli tipo: Non si sevizia un paperino, la lucertola con la pelle di donna e Quella villa accanto al cimitero. Hai mai visto Il messia del male, stranissimo zombie movie del 1972? Mi piacerebbe sapere cosa ne pensi!

Irina ha detto...

Il messia del diavolo, sorry.

Diego Cajelli ha detto...

@Cinedipendente
Ho controllato, porcazozza, nella bibliografia il titolo esatto del documentario francese non è indicato.
Appena ho un po' di tempo scavo internette e vedo che cosa trovo.

@Irina
No, l'ho perso.
Anche io di Fulci preferisco le cose non zombesche, "Non si Sevizia..." su tutti!

Cinedipendente ha detto...

Grazie mille Diego! Rimanendo in attesa scavo pure io! :)