mercoledì, ottobre 03, 2012

La cospirazione immobiliare


Ho conosciuto un tipo. Un tipo insospettabile. Non un esponente del cospirazionismo internettiano, non uno di quelli in fissa con le scie chimiche, il signoraggio o cose così.
Un tipo. Un tipo normale, che fa un lavoro normale.
Come il salumiere, il portinaio, o l’idraulico. Proteggo le mie fonti e non ti dirò il suo mestiere.
E’ uno sui sessant’anni, dall’italiano un po’ verace.
Ho incontrato un paio di volte con questo signore. Abbiamo parlato per pochi minuti del più e del meno, le famose: “quattro chiacchiere di cortesia”.
Almeno era quello che credevo di fare, invece…
Invece mi ha rivelato quella che, secondo lui, è la più grande cospirazione del millennio.
Per il mio nuovo amico, loro sono tutti d’accordo. E c’è stato un piano. Un piano preciso, elaborato da dei “bastaddi che sanno bene quècche fanno” (parole sue)
In sostanza, la sua lucidissima teoria è la seguente:
Anni fa, con uno scopo preciso, e supportati da una campagna sociale mirata e precisissima, le banche hanno iniziato a prestare soldi a tutti per comprare casa. Mutui come se piovessero, in modo che comprassero casa tutti quanti, compresi quelli che non potevano permetterselo. Hanno, scientemente, fatto indebitare per almeno 25, 30 anni un'intera generazione.
In più, si sono inventati la trappola del credito al consumo, le rate, la cessione del quinto e tutte quelle robe lì.
Perché?
Gli ho chiesto io. E la sua risposta mi ha agghiacciato:
Perché quando la maggioranza di un popolo è indebitata fino al collo, non scende giù in piazza a fare la rivoluzione.
Per cui, va da sè che Paola Marella è un'agente sul campo degli Illuminati.

10 commenti:

Anonimo ha detto...

GENIO

FUTABANTO

MrChreddy ha detto...

Quell'uomo non ha tutti i torti.

Anche se io credo che non scendiamo in piazza a fare la rivoluzione perché siamo ancora convinti di avere qualcosa da perdere.
In fondo quello che vogliamo riusciamo bene o male a permettercelo. Diciamo che non abbiamo ancora abbastanza fame. Quando lo stomaco comincerà a brontolare sul serio imbracceremo torce e forconi.

P.S.
Mi odierai, già lo so, ma sono un precisino della minkia, e certe cose sono più forti di me, sarà sicuramente una svista, ma nella frase: "un intera generazione", l'"un" vuole l'apostrofo, gli manca tanto, sta piangendo... :D
Ok, bannami pure :P

Yeeshaval ha detto...

Agghiacciante.

Diego, so che sono nuova e già inizio a scassare i maroni, ma toglieresti sto schifo di captcha?

MrChreddy ha detto...

Concordo con Yeeshaval, sto captcha è incomprensibile la maggior parte delle volte.

Locomotiva ha detto...

se non ricordo male qualcuno notò come i palestinesi della Cisgiordania hanno smesso di tirare sassi quando hanno potuto comprarsi un frigorifero.

Non mi sembra una teoria poi così complottarda.

savvy ha detto...

buffo, secondo me è proprio quando la maggioranza di un popolo è soffocata dai debiti e bob ha più soldi per tirare avanti che scende in strada a fare le rivoluzioni... che sia un complotto al contrario? ^^

PS cambia captcha, non vedo che razza di parola dovrei vedere nell'immagine di una serranda abbassata - oppure hai scelto questi perchè non vuoi commenti?

savvy ha detto...

vedi? nella fretta di risolvere il captcha non ho controllato il messaggio e ho scritto bob invece di non... vabbè, bob fa parte della cospirazione, ok?

Diego Cajelli ha detto...

@MrChreddy
Fatto!
Grazie!

Quando rivedo questo tizio, gli esporrò tutti i dubbi sollevati nei commenti.
Vi terrò aggiornati!

Frank ha detto...

Il problema dei complottardi è che danno una motivazione del presente a posteriori, immaginando menti sofisticatissime. In realtà, penso si tratti solo di semplice, misera e miope avidità - organizzata, quella sì - di una piccola èlite di finanzieri-banchieri con la complicità di corrotti politici soprattutto americani. Semplice e pura attività predatoria, come quella di un caimano, il quale non complotta ma, semplicemente, sbrana.

Mauro ha detto...

Quando sei pieno di debiti è proprio il momento giusto per rovesciare il tavolo. Se non lo permetti con le buone (Islanda e Argentina) prima o poi arriva qualcuno che lo fa con le cattive ( Germania 1939, Grecia futuro prossimo?).
Ovviamente rovesciare il tavolo non significa che non abbia un suo prezzo.