lunedì, novembre 14, 2011

Back in the eighties!


L’altra sera sono andato al cinema, in centro, a vedere l’edizione restaurata di Colazione da Tiffany.
Non ho mica capito che cosa hanno restaurato. Il film si vedeva talo e qualo del divudì che ho casa, ma fa niente. Rivedere i classici sul grande schermo ha sempre il suo perché.
Però, in tutta sincerità, il vero spettacolo l’ho visto prima di entrare in sala, mentre aspettavo Lady Zilla.
E’ arrivato un ragazzo in tuta, un tipo più o meno della mia età. Ha sistemato per terra una versione mini di una Ghetto Blaster, ha fatto click e ha iniziato a fare breakdance.
Mi sono ritrovato immediatamente nel 1982.
Il tipo ha sfoderato un campionario di passi classici, di pose classiche da old school breaker. Roba fina, sullo stile di Ozone e Turbo. (E chi vuole capire capisca)
Tiggiuro che non vedevo un King Tut dall’ottantatrè.
Anche la colonna sonora era composta da classiconi del periodo, più qualche pezzo discosettanta.
Nostalgia canaglia. No, non ho mai fatto break in vita mia, mai avuto il fisico. Anzi no. Ero bravino a fare il robot, ma l’altro giorno non me la sentivo di condividere con i presenti.
Anche perché, ovviamente, i ggggiovvini che passavano, abituati alla streetdance odierna non capivano il vintage e prendevano pure per il culo il mio nuovo amico ballerino.
Lo show è durato una mezz’oretta. Ho lasciato un paio di euri nel barattolo. Purtroppo avevo solo il mio saponaifòn e ho fatto quello che ho potuto per immortalare l’evento.
Yeeee booooy!

10 commenti:

Giorgio Salati ha detto...

Nuoooo devo troppo beccarlo anch'io!

Yo!

kingsimon ha detto...

turbo.....ah....quanta ispirazione in un solo negrino disarticolato....

Gaunt Noir ha detto...

Ma spettacolare! Mi immagino già il sapore tra il funky e i primi accenni dell'elettronica! E la mente va alla Rocksteady Crew degli '80!
Nostalgia canaglia e davvero chapeu per il bboy!

S3Keno ha detto...

"anche perché, ovviamente, i ggggiovvini che passavano, abituati alla streetdance odierna non capivano il vintage e prendevano pure per il culo il mio nuovo amico ballerino"...

Pischelli lobotomizzati dalle accademie televisive di "amici" o hiphoppettari modaioli dell'ultima ora... perchè UN VERO B-BOY, anche se molto giovane, non prenderebbe mai per il culo uno così: porterebbe rispetto alla vecchia scuola, a quel modo di ballare, a quelle moves, a quei beats.

Film come "Breakin" (1 e 2, quelli per l'appunto con Ozone e Turbo), "Beat Street" o "Wild Style" restano sempre e comunque dei fundamentalz anche per le nuove leve ;)

Anonimo ha detto...

Ce n'è ancora uno in vita??
Diamine! L'ultima volta che ho visto B-Boys ballare Break dance sarà stao a metà anni '90!! Sotto i portici di Piazza della Repubblica ed una volta ho assistito ad una sfida tra gruppi...credo fossero quelli più anziani di Fi oppure erano da fuori! Bellissimo comunque! Forse l'ultima presenza di spontaneità dal basso in questa città! E tutt'altro che fighetto-Vadical Chic!
Da tempo nn ne vedo più, nemmeno per caso e nn saprei dire se si son ritirati o spostati ma è un vero peccato!
In comprenso ci si ritrovano finti-giocolieri, finti-alternativi ed un sacco di clienti -Veri- del Rock Cafè. L'Hip Hop, come dice Nas, è morto e la Break nessuno sa che minchia è e visto quel che arriva in video nn me ne meraviglio affatto, già prima di "Amici" e di Accademie de'noantri la robaccia era palpabile come tette rifatte.
Checommossione, Maestro, la invidio davvero!!

isa

Giorgio Salati ha detto...

Ce n'erano anche in corso vittorio emanuele, sotto quella galleria dopo le messaggerie dove c'era una volta il mc donald's!

S3Keno ha detto...

@ isa & giorgio:
di b.boys e breakers ce ne sono ancora tanti, con le loro diverse scuole e stili, i loro contest, le loro battles nazionali ed internazionali (e tutta una serie di organizzazioni e federazioni che seguono/regolano questo elemento performante dell'hip hop, come la "Battle of the year" per dirne solo una)... semplicemente si sono SPOSTATI dai luoghi storici in cui ballavano negli anni '80 e '90, ma (quasi) ogni città italiana continua ad avere le sue agguerritissime crew che le rappresentano...

La Pinta ha detto...

Corso Vittorio Emanuele!! Quante volte ci sono passata per andare all'accademia *__* Quindi anche tu ne sai qualcosa di breakdance e derivati? ;)

Eliana ha detto...

Almeno l'uscita al cinema è valsa a qualcosa! Avrei voluto vivermi gli anni '80... peccato che ero ancora nella culla, per fortuna, c'era mia sorella a trasmettermi la moda 80's. Così, grazie a lei, sono cresciuta a pane e anni 80! Solo per dirti, la mia festa di laurea, nel marzo scorso, è stata tutta music 80's!!!

Mirko ha detto...

il video di "Praise you" di Fat Boy Slim