giovedì, settembre 22, 2011

Politica Narrativa.


Ho un grosso problema. Sono così abituato a pensare in termini narrativi che faccio molta fatica a decodificare la realtà.
Nel mio mondo, se c’è un problema, arriva qualcuno che lo risolve.
C’è un cattivo?
Arriva un eroe che gli rompe le ossa.
O perlomeno ci prova. Magari non ci riesce, ma tenta di fare qualcosa. A volte lo obbligano, lo incastrano, gli rapiscono la figlia, ma nel mio mondo di eroi, egli interviene.
C’è il Dottor Perfidia che instaura un regime di terrore?
Bene. Da qualche parte ci sarà sicuramente Capitan Bellezza e i Miticiamici che proveranno a rovesciare il terrifico regime del cattivissimo.
C'è un mistero da svelare?
Esiste qualcuno legittimato a risolverlo.
Sono abituato ad un sistema basato su un antagonismo frontale ed evidente. Azione e reazione.
Ordine nel disordine. Interventi nella trama per risolvere il problema iniziale.
Batman non ha mai detto a Joker:
- Dai, su, fa il bravo, smettila. Ritirati, fa un passo indietro e finiamola qua.
(Sì, l’ha detto. Ma era una storia di Alanmùr per cui non vale. E poi quello non era nemmeno veramente Joker)
Ecco perché non capisco tutti questi che si appellano abberlusconi.
- Dai su, per favore, ma ti pare il caso, ritirati buonino a vita privata, dimettiti eddai.
Ma pensano davvero che uno così gli dia retta?
Capiamoci. Se usassi la nostra realtà per scrivere uno dei miei soggetti, la redazione me lo boccerebbe.
Un dei miei editor, piuttosto incazzato, mi telefonerebbe dicendo:
- Ma Cajelli! Ma ti pare logica una cosa così?! E poi, dai, hai trascinato troppo le cose! Il protagonista si sarebbe mosso molto prima! Fino a che punto di bassezza deve arrivare questo nemico prima che il tuo eroe si decida a intervenire?! Eh?! Dimmelo!
Ecco.
Leggendo i giornali, sento un editor che mi urla nella testa.
Più di così, che cosa dovrebbe fare Berlusconi per far muovere qualcuno?
La risposta è che questo qualcuno non c’è.
L’amarezza che mi attanaglia di fronte allo squallore dei suoi servi, si allarga fino a ricoprire anche l’altra parte. Gli altri, quelli che chiedono cortesemente le dimissioni, e parlano, parlano, parlano.
Basterebbe poco, in verità. Per dire, basterebbe che in massa non si presentassero più in aula, picchettando ad oltranza senato e parlamento.
Non lo fanno, e non lo faranno mai. Questo, ai miei occhi, li rende tutti amici di Joker.
E gli amici di Joker non sono miei amici.

25 commenti:

Anonimo ha detto...

hai schifosamente ragione...

FutabAntonella

Anonimo ha detto...

Cacchio! Condivido profondamente!!! Supereroi e cattivi secondari ce ne sono molti in giro e ci sono anche delle gran belle storie... ma effettivamente non capisco perchè il Supercattivone non venga toccato nonostante si sappia che è li e chi è... probabilmente troppi superscagnozzi, davvero troppi!!!
Ps: Pubblico "Anonimo" solo perchè qui dall'office ci hanno bloccato l'accesso a qualsiasi cosa, ma sono SimoBazza!!!

Rouges-1973 ha detto...

Hai ragione.

Il problema è che non si può neppure sperare in un intervento esterno.

Tipo Skynet che prende il potere...

CREPASCOLO ha detto...

Quello di Alanmùr era proprio il Joker. Lo spunto di partenza è che Bats ed il suo antagonista abbiano la stessa visione del mondo ( un caos ingovernabile ), ma indossino risposte diverse. Lo ''scandalo '' consiste nell'ipotizzare che sia più logica la scelta del Clown di quanto non lo sia quella del Cav Oscuro.
Mm.
Ricordo un X-Factor di David/Quesada in cui Alex Summers paga Random perchè se ne vada senza ingaggiar battaglia. La cosa è raccontata con il brio e la leggerezza caratteristici dello scrittore ( i due mercanteggiano sulla cifra ), ma resta uno dei pochi casi in cui Capitan Bellezza e il Dottor Perfidia non vengono alle mani.

Nella Realtà Prima le cose sono + spesse. Il Cav Oscuro identifica il suo nemico e non è quello naturale, cioè il Joker che vuole smacchiare i giaguari, ma il Giudice Dredd semmai.
Il tizio che intende de-marezzare i felini non ha nessuno fretta di entrare nella Bat-Caverna, perchè collasserebbe sotto i detriti del Knightfall. Molto meglio attendere che sia una legioni di Bane - l'ex ceto medio italico e quelle che una volta si chiamavano persone perbene - a deporre il chirottero bollito. A quel punto, sarà possibile un restart, magari con 52 nuove direzioni tra le quali auspichiamo qualche novità:
1) tassazione indiretta sul modello USA
2) detassazione totale x le aziende che assumano a tempo indeterminato x un periodo non inferiore ai 24 mesi
3) lotta seria alla evasione ed elusione fiscale
4) spostamento di risorse verso la ricerca

sperem

Alessandro Cavalotti ha detto...

Vero, vero, vero, schifosamente vero.

Simone ha detto...

l'unica soluzione che abbiamo è il commissariamento. che fa molto deus ex machina ma credo non ci siano alternative.

Fabio D'Auria ha detto...

L'unico modo per ottenere una rivolta di piazza è raddoppiare il prezzo dello spritz

Corbeauss ha detto...

Ci sono ben due errori gravissimi nella tua esposizione, e avendo massimo stima in te, suppongo tu li abbia lasciati consapevolmente, contando sull'effetto sospensione dell'irrealtà, tipo qundo l'uomo ragno si arrampica sui muri con le scarpe ed è impossibile.

Il primo errore è "narrativo".
Nei fumetti, rifacendosi a tradizioni letterarie secolari, riportate ad oggi con pochissimo sforzo creativo evolutivo del mezzo, l'eroe sconfigge il cattivo a cazzotti, a mitragliate, a bombe protoniche.
Non esiste la Legge, e l'eroe è giudice, giura e carnefice tutto in uno.
Una soluzione molto accattivamente per le semplici menti di noi infantili lettori di fumetti, ma nella realtà un zinzino fascista (come diversi autori negli ultimi decenni hanno messo in evidenza).

Il secondo errore, è proprio di valutazione, o di tempo di valutazione (dal 1994 era evidente...).
Pensare che possa esistere, o sia mai esistita, una controparte opposta a Berlusconi.
Non è mai esistita in politica, come forza parlamentare (extraparlamentare forse sì, ma perché tanto non ha accesso alle leve di potere, e quindi non deve sporcarsi le mani).
Non è qualunquismo, ma semplice osservazione quotidiana.
Berlusconi semplicemente ha esagerato nella quantità.
Sono tutti d'accordo per rubare 2, un paio di volte al mese, e senza troppo rumore.
Lui invece ruba 2000, tutti i giorni,con enorme dispiego di visibilità mediatica.

Il problema non è che si oppongono flebilmente a lui, o che gli chiedono "per favore, smetti".
Il problema è che sono i primi a violare le regole, pesantemente.
Solo che poi gli salta il tavolo, quando Berlusconi fa asso piglia tutto...

Diego Cajelli ha detto...

@Corbeauss
Beh, ma no!
Il concetto di reazione al "nemico" è applicabile narrativamente non soltanto al contesto supereroistico e ai personaggi "al di sopra" della legge.
L'azione eroica verso il "problema" vale sempre. Il concetto di eroe si può coniugare, ma eroe rimane.
Superman, The Punisher, etc, ma anche Holmes, Colombo o Perry Mason e tutti quelli che agiscono all'interno delle regole democratiche.
:-)

TheBlackMonk ha detto...

hIo propongo di farci invadere dalla Norvegia. Per quanto fallata, alla socialdemocrazia scandinava una possibilità la darei...

Andrea V. ha detto...

Mmm.
Ieri Parlato scriveva che la situaz. attuale è il preludio ideale a una (ulteriore) affermazione della destra più bieca.
Ci pensavo leggendo questo post che al di là dell'ironia e della comprensibile incazzatura tira un po' verso un qualunquismo alla vabbe' signora mia tanto son tutti uguali.
Che la politica (anche a sinistra) sia terreno fertile per traffici, nepotismi, etc. non ci piove. Ma mettere sullo stesso piano centrosinistra e centrodestra mi sembra davvero un'enormità, anche e soprattutto confrontando banalmente numeri, competenze e storie personali della seconda repubblica.
Corsi e ricorsi storici: nel '25, dopo il delitto Matteotti, la sinistra italiana abbandonò in massa il Parlamento per protesta. Com'è andata a finire lo sappiamo tutti.

Corbeauss ha detto...

Diego, continuo a risponderti sul piano narrativo, convinto che erri profondamente.

Holmes fa delle indagini. Poi serve la polizia a incastrare il colpevole. Se non c'è la polizia, Holmes al massimo ha il potere di tirare il cartoccetti al colpevole (oppure ci si sposta sul piano fisico, vedi inseguimento sulle cascate, e si torna al modello di giustiziere).
Colombo idem. Non è che quando lui scopre il colpevole, la storia finisce lì. Ci sarà un processo, quello è capace pure che viene assolto, che ne sai.
Perry Mason è al contrario. Il presunto criminale già è stato trascinato in un'aula di tribunale.
Perry Mason, se non c'ha il presunto in aula, non combina proprio un fico secco, sta in ciavatte a casa sua a fumare la pipa...

Per il Voglino. Andrea, con la scusa che a dire certe cose è qualunquismo, si fa il palo alle peggiori nefandezze.

Non parlo della sinistra anteguerra. Rifacciamoci dagli anni 80 in poi, dai. Non sto facendo un esame di Storia.
Dagli anni 80 in poi, e quindi anche il nostro presente, nessuno dice ha la sinistra è UGUALE a Berlusconi.
Solo che non usa metodi antagonisti. Non si oppone al sistema Berlusconi, si oppone solo all'esagerazione e al parossismo che Berlusconi ne ha fatto.
O al fatto che Berlusconi non accetti di ritirarsi, una volta che ha sporcato troppo il gioco.
Ma ial gioco, con le regole interne che sono ben diverse dalle leggi che affliggono o regolano i comuni mortali, ci giocano tutti.

Lavoro in Rai.

Negherò fino alla morte, che il mio pensiero lungo di sopra, e questa righina dopo, sono collegate.
Però, insomma, ecco. E non dico altro.

Linda ha detto...

Mi sono quasi commossa nel leggere le tue sante considerazioni, caro Diegozilla. E in tuo onore mi sono alzata in piedi, ho preso la sedia e l' ho sbattuta forte per terra (come te su quel palco al Movie) .
Ora mi sento meglio.

Andrea V. ha detto...

@ Corbeauss: come diceva l'immortale Bob De Niro di "Heat", quando piove ti bagni. Sono il primo a dire che sarebbe bello tornare tutti alla "politica per vocazione" tanto decantata da Weber, ma visto che non è possibile, tanto vale dare le chiavi dell'auto blu a gente che perlomeno non la usa solo per i puttan-tour, per accumulare pattume nelle discariche o trasportare soldi sporchi oltreconfine.
Non parliamo degli Anni '80, parliamo del primo governo Prodi, quello del pareggio di bilancio in cui militavano molti degli attuali esponenti di centrosinistra: sicuri che il livello fosse lo stesso del governo attuale? Non ci scommetterei.
Questo, senza nulla togliere al disgusto nei confronti certe derive. E alla legittima indignazione di Diego.

CREPASCOLO ha detto...

In una fiction, per quanto debba esser ancorata a qualcosa che appartenga all'esperienza umana se intende uncinare il cuore del fruitore, le regole sono decise da chi crea il plot.

Nella Realtà Prima, coloro che decidono di catalizzare una reazione devono tener conto di tutti gli elementi, se desiderano che il liquido nella provetta acquisti il colore desiato e non scoppi nella manina del piccolo chimico.
Ricordo un intervento di Colombo -quello del Tribunale di Milano, non Peter Falk - in cui il magistrato ipotizzava che Mani Pulite fossse andata scemando quando la stessa opinione pubblica, che si era spellata le mani quando in tv vedeva i democristi con le bave, aveva realizzato che si stava per fare le pulci a commercialisti, piccoli imprenditori e ditte individuali. Grottesca versione di quella cosa del tale che diceva che era stato zitto quando erano passati a prendere gli ebrei, i neri ed i diversi in generale, sebbene chiedessero aiuto, ed ora non c'era nessuno per lui quando era arrivato il suo momento di urlare.
La cosiddetta opposizione sa che abbandonare il Parlamento non è la classica mossa vincente: ricorda, nel 2006, la risposta al tentativo di Bersani di liberalizzare le tariffe degli avvocati e come è andata a finire con le parafarmacie ( per tacere delle licenze dei taxi ).
E' notizia di oggi che Bossi stia trattando per staccare la spina al GOV a gennaio, di modo da ricompattare la sua base che non digerisce, oggi + che mai, il compagno di letto.
Probabilmente sarà Nap - che ha già iniziato le consultazioni - a offrire a Berlusconi una via d'uscita, forse addirittura un salvacondotto ( okay, è un po' tirata ). Gov di larghe intese che NON durerà tre mesi, come nei desiderata di alcuni, per non turbare il mercato. Elezioni a inizio 2013. Nel frattempo anche il centrodestra avrà partorito un'alternativa, ma salterà un turno. Il gov Bersani appoggiato all'esterno dalla IDV durerà quasi una legislatura. Tenterà qualche riforma - blanda caccia agli evasori, kris puntato ai capitali scudati, la scuola pubblica riacquisterà qualche punto, mediazione FIAT - sindacato, ritorno della Dandini in Rai - e l'Europa, di cui una bella fettina nel frattempo sarà di proprietà cinese, ricomincerà a guardarci come faceva quando si stava pensando alla moneta unica.
Forse.

Corbeauss ha detto...

Andrea, no.

Quel "non è possibile" ha fatto saltare il banco.

Come il concetto che quando piove ti bagni, perché ti hanno rubato evidentemente gli ombrelli e ti hanno sfrattato di casa e devi stare per strada.

Io non so se tu parli concettualmente, filosoficamente.

Nella pratica, daje e daje, come si dice a Roma, quando tu con l'auto blu non vai a puttane (e poi pure la sinistra ci va, per dire) ma lo stesso mi rubi il posto di lavoro, o mi rendi impossibile lavorare, o fai lavorare solo gli amici tuoi di sinistra, a prescindere da quanto nella pratica siano fascisti, nella pratica dicevo, il concetto liberatorio che rimane è "muoia Sansone con tutti i filistei".

E speri che muoiano tutti con te, visto che tu è chiaro che devi morire.

E non è qualunquismo, questo. Sono loro che rubano o illegano, non tu che alla fine sei sfranto...

Ma fin quando si continuerà a dire "distinguiamo", quando il distinguo è solo nella quantità o nella qualità della ruberia, la sinistra si affosserrà nello sprofondo buio sempre più.

Andrea V. ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Andrea V. ha detto...

Se parliamo di filosofia, hai perfettamente ragione.
Se parliamo di realpolitik, la realpolitik è realpolitik ovunque. In un Paese "allegro" come l'Italia, come in Paesi civilmente più fusti e robusti: penso alla Francia (Remember Tapie?), alla Gran Bretagna (liaison Cameron/Murdoch), alla Tedeschia (le tangenti di Kohl e quelle recentissime della Siemens) o agli States (dove, di fatto, comandano le lobbies).
Poi possiamo raccontarci che in un mondo migliore la politica è pulita-pulita, mandare tutti a farsi fottere e tenerci sine die questa destra o una peggiore, raccontandoci che tanto è lo stesso.
No, non è lo stesso.
E per rendersene conto basta rileggersi le cronache politiche e giudiziarie degli ultimi vent'anni.

Anonimo ha detto...

diego, ti posso lanciare un pensiero? un indizio? una riflessione?

Sciopero dei minatori inglesi contro la Tatcher.

tutti fecero qualcosa. I Laburisti si misero in gioco al 100%. artisti, autori, tutti.
come finì?

Alessandro Bottero

Corbeauss ha detto...

Andrea, in quei paesi c'è sempre stata una sinistra che non è la "nostra" sinistra.

La "nostra" sinistra è una sinistra "figlia", o parente, di un Partito Comunista.

Un Partito Comunista vero.

E siamo stati gli unici ad avere un Partito Comunista così forte, e stare dall'altra parte della cortina di ferro.

Pure in America c'è la "sinistra", ma il solo pensiero di avere un Partito Comunista, per loro credo che se va bene sia una barzelletta, se va male, ti mettono in galera.

Quindi il paragone col resto dell'Europa, come del mondo, non vale.

In Italia i valori della "Sinistra" sono sempre stati ben diversi da quelli dei "cugini" del resto del mondo. Come i loro elettori. Come la forza di entrambi.

Livelli tutto, e uccidi i valori, subito dopo gli elettori, e perdi qualunque tipo di forza.

Cosa che infatti è puntualmente successa.
E ripeto, non sono quelli che dicono queste cose, ad essere qualunquisti.

Sono quelli che rubano, ad essere ladri.

Anonimo ha detto...

Come finì?

Finì con un sacco di fumetti veramente interessanti.
Buttali via...

Anonimo ha detto...

...ma scusate che senso ha parlare ancora di destra e di sinistra...
Berlusconi è di destra? ... e Fini cos'è, un altra destra? Bossi (anni 70) aveva la tessera del partito comunista, così come Bondi (primi anni 90) guidava una giunta di sinistra in un comune toscano...
...in teoria la destra dovrebbe favorire il libero mercato; perfetto, dov'è questo libero mercato in ambito televisivo?.. ovunque ci si giri c'è pieno di mono-oligopoli...
Dal canto suo la cosidetta sinistra era prontissima a privatizzare l'ACQUA PUBBLICAaaahhh (mica la piadina) accodandosi solo in extremis al referendum di proposta idv...
Siamo come le mucche nella stalla, ci danno da mangiare (quello che vogliono), poi ci mungono (quando vogliono) e Il dio denaro tira da sempre il carretto...per quanto mi riguarda c'è solo chi governa peggio e chi meno peggio, poi può essere vestito di nero, rosso o magari anche verde, cambia poco...

Giorgio Salati ha detto...

Per me il Joker di Moore era Joker all'ennesima potenza, opinione personale.

Come ha ricordato qualcuno, dopo il delitto Matteotti i parlamentari dell'opposizione se ne andarono dall'aula, e da quel momento non ci sono più rientrati. Si fa presto a fare una protesta civile, ma se chi comanda non è affatto civile, serve a poco...

E purtroppo sono d'accordo con Parlato che ci sono i presupposti per l'insediarsi di una nuova destra autoritaria. Dopo la caduta di Berlusconi ci sarà un periodo di caos: crisi economica, disoccupazione, governo di centro-sinistra debole e indeciso, Napolitano che non sa che pesci pigliare, e poi... arriverà il salvatore. Come si chiamerà? Fini? Montezemolo? Entrambi? Con la compagnia di Marcegaglia, Marchionne? Chi altri?

Diego Cajelli ha detto...

@Giorgio
Il riferimento è al dialogo iniziale tra Batman e "Joker" all'inizio di The Killing Joke. Quando va da lui per fare pace.
Non intento il Joker alanmùriano in assoluto, ma solo quella sequenza lì.
:-)


Per quanto riguarda il discorso politicoso:
Sarò qualunquista. Ma una maggioranza come la nostra le opposizioni di altri paesi se la sognano.

senility ha detto...

si quella cosa di non presentarsi in aula ha funzionato alla grande l'ultima volta che l'hanno fatta.

In una democrazia, (e possiamo lamentarci quanto vogliamo, ma se puoi scrivere in un blog quello che vuoi, questa è una democrazia) l'eroe sei, tu, io, corbeauss, ciccio, pasticcio, buliccio, crepascolo...
Il cittadino che aspetta l'eroè è il supercattivo finale letale cattivissimo, imbattibile.