lunedì, aprile 04, 2011

Dice lo chef...


... Le grandi cattedrali d’Europa sono state costruite dagli artigiani, anche se non sono state disegnate da loro. Mettere in pratica la propria arte in modo esperto è nobile, onorevole e da soddisfazione.
In genere preferisco un mercenario orgoglioso del proprio lavoro a un artista. Quando sento la parola artista, immagino qualcuno che non pensa sia importante arrivare al lavoro in orario. Molto spesso i loro sforzi, convinti come sono del proprio genio, sono volti più all’autocompiacimento che non a soddisfare la gran parte dei clienti a cena...

Anthony Bourdain
Kitchen Confidential

7 commenti:

Locomotiva ha detto...

Uomo con grosso cucchiaio dice grande verità! Ugh!

carlo costa ha detto...

Dalla prima volta che ho letto Kitchen Confidential...
Beh, innanzitutto mai più 'nulla è stato come prima', nella vota in generale.
E poi lo uso come regalo alle persone a cui tengo.

carlo costa ha detto...

la vota era la vita

Officina Infernale ha detto...

Grande libro...

Jazz nel pomeriggio ha detto...

Quando sento la parola artista, immagino qualcuno che non pensa sia importante arrivare al lavoro in orario.

I libri di Bourdain sono divertenti; anche lui, come tutti, quando si discosta da quel che sa dice delle banalità o delle sciocchezze quando non due le cose insieme, come in questo caso.

Anonimo ha detto...

Questa volta, devo quotare jazz nel pomeriggio, conosco artisti che si fanno un mazzo tanto, con una disciplina ferrea ed un rispetto assoluto per il prossimo, pari a qualsiasi artigiano che si rispetti. non mi piace luogocomunizzare su mestieri o nazionalità.
jester

Daniele ha detto...

Boh, non mi pare stia esponendo un dogma, ma un semplice parere.

Anch'io storco il naso quando mi danno dell'artista.