domenica, dicembre 19, 2010

il tango della gelosia.


Metrò affollatissimo. Più che affollatissimo. Una roba che se non eri a Milano durante la Fiera dell’Artigianato non puoi capire quanto.
Ci mancavano soltanto i giapponesi con i guanti bianchi che spingevano a forza la gente dentro le carrozze.
Dentro, gli umani erano blisterati uno accanto all’altro. I più fortunati potevano raggiungere gli appositi sostegni dove reggersi seguendo il regolamento.
Io ero uno dei fortunelli.
Davanti a me una signora. Età tra i 75 e gli 80, pelliccia, aria da Milano bene. Si volta e mi dice:
- Se cado, mi tiene lei, vero?
- Certo signora!
- Ne è sicuro? Guardi che sono pesante.
- Sicuramente io peso più di lei, stia tranquilla.
Rispondo con un sorriso.
- Già, e poi lei è così giovane e forte…
Replica l’anziana seduttrice con un altro sorriso.
- Vero?
Aggiunge ancora.
Al che, interviene il marito, incastonato poco più in là.
- Marisa! Ma la vuoi finire?!
- Sto parlando con questo bel giovane!
- Smettila!
- Non fare il geloso…
Conclude la signora.
Per le restanti fermate, il marito mi ha guardato malissimo.

7 commenti:

Daniele Di Nicuolo ha detto...

E' il fascino dello scrittore.

Anonimo ha detto...

Oppure disperazione dopo i quaranta...XD

Isa

clyde ha detto...

il fascino del tombeur de femme....@

Andrea Gadaldi ha detto...

Uccidi il marito, sposa la vecchia e vivi da nababbo.

Andrea Gadaldi ha detto...

E poi uccidi anche la vecchia, ovviamente.

Faust VIII ha detto...

...col flit, possibilmente.

Anonimo ha detto...

dai, che carini però!

Futaba