martedì, novembre 02, 2010

Non ho più il fisico...


Occhei, è stata una Lucca strana.
Strana per tantissimi motivi diversi, alcuni piacevoli, altri meno.
Comunque sia, non sono più in grado di reggere al bimbumbam lucchese per più di due giorni di fila. Non ho visto praticamente niente, non ho comprato praticamente niente, ho parlato con la metà delle persone con cui volevo parlare, e per la maggior parte del tempo mi sono sentito intontito dalla folla.
Aggiungici che i cellulari non funzionavano più perché c’era troppa gente, era impossibile fare dieci metri a piedi in meno di mezz’ora, e hai più o meno il quadro completo.
Spero che per gli editori sia stata la Lucca dei record, perché per me, da visitatore/autore è stata una Lucca davvero complicata.
Al tempo stesso però, mai come in questa Lucca, ho potuto vedere le cose con chiarezza.
Ho capito. Metabolizzato. Decodificato, e ora sono molto più sereno.
L’anno prossimo comunque, scendo con un due ruote.
Faccio la patente per la moto moto, oppure ci vado in statale con il motorino.
Mi scuso con tutti.
Domenica, approfittando di un momento di pausa del diluvio universale me ne sono andato.
Me ne sono andato perché c’avevoicazzimiei.
Ho salutato soltanto quelli che incrociavo per strada.
Ho guardato l’aifono che mi diceva: nessun servizio.
E’ andata così.
Pace.

19 commenti:

vergil0909 ha detto...

Ho provato a cercarti ovunque sperando di incontrarti ma ho fallito miseramente. Spero di avere altre occasioni per fare due parole! (sappi che ho girato la fiera con il tesserino del Diegozillab appeso al collo! Yeah _\m/)

Skull ha detto...

Toh, la tua Lucca è stata come la mia... solo che io sono venuto di domenica e mi sono beccato anche il diluvio. :-(

Mai più mai più, ho idea.

il.Benci ha detto...

ti capisco...
io ero già stanco della folla il sabato mattina, fortunatamente ero riuscito a fare tutto...
anche salutarti^^

:A: ha detto...

"Me ne sono andato perché c’avevoicazzimiei."

Come ti capisco. Lucca strana, sì.

Lanterna ha detto...

Mai come a Lucca sono stata fiera del mio telefonino sgarrupato da 30 euro: dove gli smart phone tacevano, lui trillava allegramente.
Per il resto condivido le tue impressioni, anche se io non ho il confronto perché per me era la prima Lucca.
Peccato non averti incontrato!

[mr.beast] ha detto...

Dié, io è 3 anni che Lucca la vivo malissimo. Quest'anno poi anche se sono sceso un giorno solo è stato anche peggio...

clyde ha detto...

io ti ho incontrato!!! e incontrarVi vale tutte le tribolazioni di questa lucca.

AlessandroDiVirgilio ha detto...

Mi rallegro di essere stato uno dei fortunati! ;)

Luca Bonisoli ha detto...

Anch'io faccio sempre Lucca in giornata perchè altrimenti non reggo!
E anch'io ero tra quelli che giravano col tesserino del DiegozilLab!
Peccato non aver incontrato nessun compagno di corso (e nemmeno il docente >__<), ma era davvero troppo affollata!

Joel ha detto...

La pioggia rende tutto estremamente più pesante, ero giù ieri ed è stato estenuante mi pare di aver capito che il tuo è un sentimento comunque condiviso anche da altri addetti ai lavori, strana Lucca già.

Daniele Di Nicuolo ha detto...

Colpa della pioggia Diè, tutto qui. Se ci fosse stato il tempo dell'anno scorso, sarebbe stato tutto meno stressante, dalle code per il biglietto alle gincane tra la gente che andava a 2 km/h
Quattro giorni stracarichi ed intensi, soprattutto per la caccia all'editor.
Ma si sa, in questo campo le cose van così.

p.s.: io avrei cmq un appuntino da fare agli organizzatori, perchè trovo ridicolo che chi ha un'abbonamento per tutti e 4 i giorni si debba sparare sempre e cmq la fila.

Anonimo ha detto...

Io sono fortunato, dato che quello che devo fare a Lucca richiede mezza giornata (contatti vecchi, contatti nuovi).
Anche quest'anno è stato splendido: venerdì, niente code, temperatura meravigliosa, un po' di traffico al rientro.
Io sono fortunato.
Ciao

Locomotiva ha detto...

io, ammetto, quasi spero che sia un complotto.

Avrebbe senso: in fondo, i curiosi come me sono un di più.
Con i bimbominkia per i gadget e gli "Addetti ai lavori" per le cose serie, la fiera gira uguale, i ristoranti e gli alberghi sono pieni comunque.

Gestire anche noi curiosi borghesotti che vogliamo la fiera comoda costa più di quel che rende.
Ha senso, spingere a farci stare a casa.

Sarebbe bello ci fosse sul serio un piano.
La mia paura è che sia la solita organizzazione all'italiota...

Kromo ha detto...

ciao Diegoz... noi ci siamo incontrati domenica mattina. (quello che non capiva cosa era l'avatar e che la tua metà ha già promosso senza bisogno di corso :))
è stato fico!!! grazie della tua disponibilità. a presto.
:)

Cyberluke ha detto...

Sì, ma, dopotutto, era solo pioggia.
Che scassa le palle sempre e comunque, mica solo a Lucca e durante il Lucca Comics.
A parte i contadini e la mia ragazza che così non deve annaffiare il fottuto giardino, non conosco nessuno che ami la pioggia.
Ma venerdì e sabato ci ha graziati, e direi che ci è andata ancora piuttosto bene.
Ridicole e concepite da un sadico, invece, le procedure per accedere in fiera: compri il biglietto, e ti danno il dannato braccialetto. Fai un abbonamento, e ti danno i corrispettivi braccialetti: una sola fila e passa la paura.
No.
Troppo semplice.
Se c'è un motivo per cui io, povero mortale, non capisco perché si sia optato per questa cattiveria (ma voi c'eravate, la domenica mattina, sotto la pioggia, in fila a cercare di ritirare il braccialetto pagato il venerdì? C'eravate a guardare allibiti quei due poveri cristi arrampicati sui lampioni a urlare "voi a destra, voi a sinistra"?) me lo spieghi, vi prego. Senza ironia.
E poi spendo una parola per i cosplayer.
Perché pure loro hanno il diritto di vivere, sapete. E di esserci, visto che molti di loro per essere a Lucca Comics hanno rotto il salvadanaio e vederli camminare infreddoliti e col costume zuppo è la scena più triste del mondo, e prevedere una tecnostruttura in zona palco non sarebbe stata una cattiva idea da parte degli organizzatori.
E ho detto solo la prima stronzata che mi è venuta in mente.
C'è spazio per un miglioramento.
Speriamo che qualcuno impari dagli errori del passato, perché di Lucca Comics ce n'è una sola, ed è troppo bella perché vada a puttane.

Giuseppe Di Bernardo ha detto...

Esattamente il mio stesso stato d'animo.

E penso che sarebbe bello che, un giono sui quattro della fiera, fosse solo per gli addetti ai lavori. Non per fare gli snob, non per isolarci, ma perché tra un caffè e un 'fanculo, ci sarebbe la possibilità concreta di costruire il nostro futuro, creativo, editoriale e umano.

Lui ha detto...

Quoto Di Bernardo a mille.

Cmq sono felice di essere riuscito almeno a beccarti per potermi bullare del mio avatar rock&roll!!! :D

Anna ha detto...

Mi spiace davvero sapere che quest'anno a Lucca non ti è andata bene; non sei stato l'unico a dirmelo ed io non ho un mio personale metro di paragone, visto che per me è stata la prima volta; io mi sono divertita tanto!

Sono stata fortunata, io e mio moroso ti abbiamo trovato vicino alla BD edizioni; Nicola mi trascinava verso di te dicendo "Dai, andiamo a salutarlo!" ed io "No, non lo voglio disturbare!"; volevo bloccarlo, ma mi hanno impedito di usare la mia mossa supersegreta che manda tutti al tappeto u.u

La pioggia e la massa sono due cose che non sopporto, e l'assenza di campo ha rischiato di far impazzire il mio gruppo un bel po' di volte.
Però... però c'erano le persone a cui volevo bene; mi sono anche tanto emozionata, quando ho osservato Ambu e Bocci disegnare presso il loro stand ed ho potuto percepire di persona quanto amore, quanto impegno, quanta dedizione mettono nel loro lavoro.

Il Lucca Comics mi ha aiutato a capire perché mi piacciono i fumetti e quanto sono stati importanti in momenti molto difficili della mia vita; quindi, anche se non sarà stato il meglio del meglio, sono felice lo stesso di esserci stata :)

Anonimo ha detto...

Tu non avrai più il fisico, ma anche i fantasmi che infestavano l'hotel non hanno aiutato.
Mi aspettavo che spuntassero Grace Stewart e i suoi due figli, Anne e Nicholas, da un momento all'altro.
Altro che week-end rilassante.
Fede