mercoledì, ottobre 06, 2010

X Factor 4 - Quinta puntata.


Alle 21equalcosa il Facchi sotto le urla di un pubblico esondante mi dice che sono fortunatissimo.
Adesso, ma proprio adesso, arriva Taylor Swift. Una che ha vinto dischi di adamantio, ha più singoli in vetta alle classifiche che denti in bocca, una roba che in confronto i Beatles sono la cover band dei Cugini di Campagna. E io, che non so nemmeno chi cazzo sia questa qui, affogo nella mia inadeguatezza. Fremo per vedere Taylor Swift.
Esce una bionda, ma suonano al mio campanello.
E’ il mio vicino. Il signor Curti. Mi chiede con gentilezza se posso aiutarlo a pulire le testine del suo videoregistratore della Fisher Price. Si stava per godere l’annata 1984 de: "Il pranzo è servito", e ha scoperto che si vede male. Lo aiuto ben volentieri.
Torno alle 21 e 09. Ci sono ancora i tamburi. I rumori da aeroporto, i passi finti in dolby surràund. Inizia la quinta puntata da X Factor.
Escono giudici e cantanti, si intravede la scenografia.
E’ bene dire che per questa puntata di X Factor, Tommassini e il costumista hanno deciso di andarci giù pesante, usando la teoria quantistica del tutto. Un gioco di sovrapposizioni, dove in un contesto visivo tra Terry Gilliam e quello che hanno trovato nella soffitta della gattara, si muovono i cantanti addobbati come a un rave party in maschera nel reparto neurologia.
Fatto sta che il più sobrio è Elio vestito da Giuseppe Verdi.
Comincia Cassandra, con una versione soul di Come ti vorrei di Iva Zanicchi.
Prima, nella clip, dice che non è mica venuta lì per fare la comica.
Canta su una doppia sedia in un contesto surreale adatto alla prima serata. Fatto sta che trasforma il pezzo in una lagna di urletti sooouuul per disperati in stazione centrale.
Poi il Facchi ci dice che lei è brava a fare le pernacchie. E allora, siccome lei non è mica venuta lì per fare la comica, ce ne fa sentire una.
Nella prossima puntata, in canottiera, ci insegnerà come si fanno le pernacchie a tempo con la mano sotto l’ascella.
Polemiche tra i giudici. Il Ruggy pronuncia la parola: “istanze”.
La Tatta si scoccia. Dice che non è bello venire in tivvù a fare i gradassi, che anche lei vive in una casa con diverse istanze, quasi tutte col bagno, e che però magari tra il pubblico c’è qualcuno che vive in un monolocale e può offendersi. Un po’ di rispetto per favore.
Tocca a Ruggero, con Crazy little thing called love dei Queen.
Bravo. Mi piace questo quarant’enne mascherato.
I Kymera, che nel delirio del costumista sono vestiti da domatori di lontre, cantano Maria dei Blondie. Il pezzo è un gran pezzo. Loro sono immobili come i Moai dell’Isola di Pasqua. Forse qualche movimento in più avrebbe giovato alla performance.
Il Ruggy invita i Kymera a esibirsi al suo concerto a Milano. Facchinetti decide che sono invitati tutti i cantanti di X Factor. Ruggy bofonchia qualcosa, ma ormai è tardi.
E’ il turno di Nathalie. Ho deciso che è la mia preferita numero uno.
Vestita, purtroppo, come Cosetta dei Miserabili, canta Cornflake Girl di Tori Amos. Prima strimpella sul pianoforte dei Puffi, poi va, e cavoli se va.
Tipo che sembra l’unica ad avere acceso il microfono. Molto Brava.
I giudici questa sera sono agguerriti. Soprattutto Elio che ha fatto colazione pucciando scorpioni nel caffelatte.
La Tatangelo è sempre più favolosa. Nel suo linguaggio usa con serietà estrema gli stessi artifici retorici del Tenero Giacomo della Settimana Enigmistica.
E’ il momento di Stefano, con Dillo alla luna di Vasco. Brano che ha deciso lui di cantare.
L’unica cosa che posso dirti è che si trasforma in un piccolo tonno.
Nuota di qui, nuota di qua, si ritrova sopra una rete. La rete viene issata a forza di braccia, e Stefano Tonno viene massacrato a colpi di rampino dai Giudici della Tonnara.
Spietati, i giudici infieriscono. Lo uccidono, lo fanno a pezzi e lo mettono in una scatoletta con tanto olio extravergine di oliva.
Alle 22.03, Super Mara si stizzisce e dice: Cazzo. Applausi.
Fine della prima manche. Tra i critici c’è Antonella Elia. Dice qualcosa. Non ho capito che cosa. Si è aperto un varco spaziotemporale sulla sua vuotezza sumera e io sono ipnotizzato in quelle spire.
Arriva l’esito del televoto.
Allo scontro finale andrà Cassandra.
Grossa sorpresa per Stefano, che già si vedeva tagliato con un grissino.
Manuela inizia la seconda manche con No more I love you’s di Annie Lennox.
Manuela è vestita mixando: Pierrot, la principessa Leila e Minnie. E’ tra l’inguardabile e l’imbarazzante. Scattano una serie di SMS tra me e il mio amico Bufa. Parliamo di estetica Milf.
A noi Manuela attizza. Non possiamo farci niente. Il pezzo è quel che è, ma secondo noi lei è comunque grandiosa.
Tocca a Dorina, con Donne di Mia Martini. Pezzo di una somma difficoltà per via di tutto il metatesto che si porta dietro. Per quanto Mimì sia inarrivabile, Dorina non se la cava malissimo.
C’è la stessa differenza che corre tra il pane fresco del buon prestinaio, e il pane in cassetta. Si possono mangiare tutti e due. Con le dovute differenze.
Dalla clip scopro che la Tatta è allergica alle coniugazioni regolari dei verbi. Tutti gli “are” gli “ere” e gli “ire” che non pronuncia finiscono nel Limbo dei Verbi Troncati.
E’ un posticino tra il Paradiso dei Congiuntivi Ammazzati e l’Inferno delle Frasi Fatte.
E’ il momento di Nevruz, con Charlie fa surf dei Baustelle.
I Baustelle.
Non è colpa di Nevruz.
I Baustelle.
Se per sbaglio, se per una nefasta coincidenza, se per un amaro scherzo del destino beffardo, entro in contatto con una qualsiasi cosa in cui c’è lo zampino di Bianconi e soci, io ho bisogno di spalmarmi litri di protezione solare a fattore protezione 60.
Altrimenti, i Baustelle, con la loro ostentata e del tutto immotivata presunzione, mi bruciano la pelle.
La seconda manche la chiude Davide Efron, con Amore di Plastica di Carmen Consoli.
E’ l’unico a non essere vestito da pirla. E’ il mio preferito numero due. Canta il pezzo meglio lui della Consoli. Se, e bada bene dico se, fa un disco con dei testi non eccessivamente retorici, lo compro.
Dato che la si tira per le lunghe, e che dovrà entrare un nuovo cantante, c’è il tempo per una clip dedicata ai talenti incompresi.
C’era una volta un cinese che cantava Fly me to the moon.
Lui dice Fly me to the moon, e tutti rispondono in coro: Ah, Michael Bublè.
A me fa schifo vivere in un mondo dove uno dice Fly me to the moon, e gli rispondono: Ah, Michael Bublè.
23.06. Si chiude il televoto.
Allo scontro finale contro Cassandra, ci andrà Manuela. Due cantanti della categoria di Elio. Infatti lui ci rimane molto male.
Polemiche, polemiche e filosofia della Tatta.
Una roba che non puoi fare a meno di chiederti: Ma la Tatta e AGiggi, di che cosa parleranno quando sono seduti a tavola per cena?
Fatto sta che Cassandra e Manuela cantano quello che devono cantare.
Gli SMS tra me e Bufa fioccano.
Mi colpisce Manu che canta la Vanoni.
Cassandra spara un Killing me Softly, senza chiudere gli occhi, ma mettendoci tutte le vocali del mondo più una.
Appelli, menate, pubblicità, parola ai giudici.
Elio dice: Manuela, e non sono d’accordo.
Mara dice: Cassandra.
La Tatta dice: Manuela.
Ruggy dice: Manuela. Strategia.
Mandano a casa la più forte, così la prossima è quell’altra.
Manuela piange. Di fronte ad una stannnninovescion di addio.
Io e il Bufa decidiamo di girare un film dal titolo: Lacrime di MILF.
Non c’è tempo per indugiare troppo sui sentimenti, deve entrare qualcuno di nuovo.
Ecco. E’ in questi momenti che mi spavento, pensando al fatto che X Factor potrebbe durare in eterno. Arrivano le nuove proposte.
Elio introduce Lavinia, che canta non ho capito che cosa e non ho capito di chi.
Canta e divento canuto. Vivo per un paio di minuti nell’antichità di un mercatino delle pulci al termine dell’universo.
Il Ruggy propone i Carpe Diem.
Fanno R&B a orecchio, ma le orecchie sono tappate. Non si può dire che stonano. Per dire che qualcuno stona bisogna essere certi che sia ben conscio di quello che sta facendo, tipo che la musica è formata da note. I Carpe non hanno questa levatura. Quello in mezzo si ravana le palle mentre gnaula, e quello a sinistra avrebbe bisogno di rimanere una settimana in un centro di rieducazione nord coreano. A zappare arida terra in cui crescono solo sassi e fatica.
Super Mara si affida a Dami. Un ragazzo che ha problemi con i significati delle parole in lingua italiana ma che sul palco si difende bene.
Chiude la cantante della Tatta: Alice. Mi fa un gran classico da Karaoke.
La domanda è: Ma bisogna scegliere per forza tra uno di questi qui?
Pare di si. 0.11. Ancora mezza giornata di pubblicità, appelli, Antonellaelia.
Esito del televoto, la new entry sarà Dami.
Si, occhei, va bene. Può essere uno molto interessante, ma dipende da quali pezzi gli faranno fare.
Gioia, coriandoli, delusione per gli esclusi.
Ore 0.21. Fine della quinta puntata di X Factor.
Rimane un ultima domanda.
Chi era l’attrice porno fetish seduta in prima fila alle spalle della Tatangelo?

32 commenti:

Anonimo ha detto...

a me Fly me to the moon, da qualche anno, fa venire in mente Neon genesis Evangelion...

Anto

marcantonio ha detto...

ho fatto bene ad andare al cinema a vedere Inception

Alessandro Di Nocera ha detto...

Il mercoledì mattina sarebbe ormai IMPOSSIBILE incominciare la giornata senza leggerti.
Definizioni come: "costumi da domatore di lontre" non hanno prezzo...

Anonimo ha detto...

ma avete notato la conversazione tra la tata e mara prima dell'eliminazione?? A me sembrava che dicessero Manuela....

poldo ha detto...

"Comincia Cassandra, con una versione soul di Come ti vorrei di Iva Zanicchi.
Prima, nella clip, dice che non è mica venuta lì per fare la comica.
Canta su una doppia sedia in un contesto surreale adatto alla prima serata. Fatto sta che trasforma il pezzo in una lagna di urletti sooouuul per disperati in stazione centrale."
Solo per la cronaca la "doppia sedia" come la chiami tu, era una sedia elettrica con al posto del casco di metallo, un casco da parrucchiere.

Anonimo ha detto...

E cosa dire delle sopracciglia di Dami, che si muovevano in maniera indipendente? Mi hanno ipnotizzato

Anonimo ha detto...

1. Secondo me ieri a parte forse Nathalie e Davide, tutti i cantanti sono stati sovrastati dalle basi e dai cori, non si sentivano le loro voci. Ma gli anni passati c'erano tutti i cori invasivi come quest'anno?
2. Trovo scandalosi alcuni costumi coi quali i cantanti si sono esibiti (Kymera, Nathalie, Manuela).
3. Ma solo a me Cassandra (di cui ci libereremo presto) sembra la Littizzetto che canta?

Ciao!
F.

Cristiana ha detto...

"costumi da domatore di lontre" fa il paio con "le bersagliere uccellate" uscito fuori da FriendFeed ieri sera

Anonimo ha detto...

è vero, le voci si sentivano malissimo iersera!!!
E mi sapreste spiegare perché Tommasini cerca di mortificare ogni ombra di sensualità nelle ragazze in scena?? Sembrano tutte delle nonnine...
E i giudici incattiviti sono molto più divertenti!!! Facevano a gara col Gladiatore su rete4 come spargimento di sangue!!!

IcoFeder

rampicante ha detto...

ciao!
solo io trovo scandaloso Stefano e tutto quello che ci gira intorno?
sembrava dovesse dimostrare di non essere il solito casoumano/fenomeno da baraccone, ma ieri sera ha ottenuto proprio il contrario. non sono disposto a credere che non sia in grado di dire "sì" senza balbettare per mezz'ora. e riuscire a stonare cantando vasco rossi non è da tutti.
nevruz, se non ho capito male, ha litigato con quell'idiota di tommasini per la messinscena delirante ( in senso non buono) e aveva ragione. ma ha spaccato lo stesso questo e l'altro mondo apparermio.
a me cassandra è piaciuta.
e che manuela uscisse, dopo che era già in nomination settimana scorsa, era scontata sin dall'inizio. come cassandra è in pole per la prossima insieme a stefano e dorina.
bella recensione!

mistake89 ha detto...

Con i carpe diem ieri si è raggiunto il fondo di una trasmissione che a livello musicale sta offrendo molto poco.

Quando li ho sentiti ridevo, ridevo perchè immaginavo quello che avresti scritto. Sei stato troppo poco cattivo secondo me!

AlessandroDiVirgilio ha detto...

Ma Manuela non era vestita come "quella gran zoccola della pricipessa Leila che ha appena scoperto il lato oscuro"?

Sui Carpe Diem sei stato troppo buono.

boris battaglia ha detto...

immotivata, una cippa di cazzo!

Nicola ha detto...

Manuela ieri è uscita solo perché Stefano è un caso umano e non è stato nominato, ma lui aveva steccato e fatto schifo!
Mi trovo in disaccordo con te su Cassandra, quando si è presentata all'inizio non mi piaceva, ma poi mi sono dovuto ricredere.
Manuela è brava, ma nulla di più, non è eccezionale e non trasmette nulla.
Nevruz è bravissimo, molto particolare.
Su Nathalie e Davide non si possono fare commenti, è già stato detto tutto da te.
Ruggero doveva uscire già da un po', credo prima dell'inizio di X-Factor, e Dorina è una "rockstarsssss" finta.
La cosa che più mi ha sconvolto ieri sera, cosa che vedo che a molti è sfuggita, è stato sentire il Facchi dire: "i Carpe Diem a detta di molti sono i migliori aspiranti cantanti che si siano mai presentati alle audizioni di X-Factor in tutte e 4 le edizioni."
Dopo averli sentiti ho pianto.
Personalmente avrei fatto entrare o Lavinia o Alice, Dami è caruccio ma non è nulla di che.

Anna ha detto...

Grazie della recensione!

Onestamente Manuela ha smesso di dirmi qualcosa verso la seconda puntata; tecnicamente brava e voce particolare, ma a livello emotivo - per me eh! - muta come un pesce.
Tuttavia, non avrebbe dovuto essere eliminata lei.
Dorina e Stefano sarebbero stati un duo "a rischio di eliminazione" molto migliore di quello costituito ieri sera da Cassandra e Manuela.

Dorina si è adeguata al Tatapensiero dicendo "Eh ma se c'è l'emozione - e nient'altro - c'è tutto". Ahi ahi, ragazza mia.
Stefano ha cantato Vasco Rossi. Cioè, Vasco Rossi! Con lui mi si brucia la pelle, come capita a Cajelli quando si mettono in mezzo i Baustelle (promemoria: in caso di emergenza spaccare il vetro protettivo e far partire "La guerra è finita" in loop per proteggersi dal Diegozilla inferocito)!
E poi ha stonato. Invece di fargli scegliere i brani dovrebbero aiutarlo a migliorare il controllo sulla voce.

Nathalie, Davide e Nevruz sono stati grandi! Aspetto di confermare anche Cassandra nella mia rosa di cantanti, perché devo capire bene bene se può affrontare qualsiasi tipo di canzone.

I Kymera. Acuti, immobilità, acuti, piume, giacconi da circo, invito di Ruggeri (che è stato punk prima di tutti noi).
Mah, stan lì.

Ruggero... Mandate Lassie, riportatelo a casa!!!

La nuova entrata poteva anche non entrare, se proprio si doveva avrei preferito Lavinia.
Ma il tipo più basso dei Carpe Diem non aveva una faccia da ceffoni?

DjJurgen ha detto...

Non ho visto la puntata di ieri, ma da quello che leggo non mi sono perso granchè...ho recuperato solo la performance di Nathalie, che è la mia preferita dall'inizio...scusate, ma l'ho trovata sexy solo io??? :D

(p.s. adesso devo recuperare anche la performance dei Carpe Diem...mi avete messo addosso una curiosità mostruosa! :D )

DjJurgen ha detto...

Ecco, l'ho appena recuperata...non ho parole, giuro...

Anonimo ha detto...

''Nella prossima puntata, in canottiera, ci insegnerà come si fanno le pernacchie a tempo con la mano sotto l’ascella.''
AHAHAHHAHAHAHA
allora lo guardo, ieri ho preferito vedermi x la 190* volta il Gladiatore.. si mazzolano come a x factor ma almeno la gente non è vestita da Verdi o impiumata.Tommassini ha reso tutto l'ambiente ancora + gaIo poi.troppo avanspettacolo e poca musica

Anonimo ha detto...

la cosa più angosciante è stata arrivare a casa tardi, accendere la tv e sentire i Carpe Diem.. che prima mi spiegano (tipo sapientino) cosa significhi Carpe Diem.. e poi "cantano" senza beccare un'armonia.... Il bello è che ho aumentato il volume della tv pensando di essere io ad avere problemi di udito.. vedendo la faccia di Elio ho capito che non era così!

knucklehead ha detto...

Mi fai lollare di brutto.
Grande Cajelli.
Però sei un pochetto ipocrita: ti indigni perchè ai giudici "Fly Me To The Moon" ricorda Bubble Bobble e poi parli di "occhi chiusi assenti" nell'esecuzione di Killing Me Softly.
La prima associazione che hai fatto è stata con Hugh Grant. Hugh Grant, cribbio! Ti perdono perchè sei uno spasso (e perchè "About A Boy" è sia un gran libro che un gran film).

Note dolenti: la visione di X-Factor da vicino.
Inutile negerlo, la scadenza è sempre più a breve termine.
Il numero dei cantanti che mi tedia sta aumentando. Su Nevruz è sopraggiunta la trista ombra della noia, dell'autoreferenzialità (oh, ma sei scappato fuori qualche settimana fa!). Insomma, siamo già alla parodia di se stessi. Tedio, tedio e ancora tedio. Pandorina è stata un abbaglio. Ha cominciato a scartavetrarmi le orecchie con le sue scatarrate canterine. Salvo i soliti Davide, se lo si guarda "ad occhi chiusi", e Nathalie, che è brava. Anzi, come hai scritto tu, "B"rava. E per fortuna, almeno nel suo caso, si sente qualche canzone godereccia. Tori Amos ieri, i Muse l'altra volta... Chissà, magari le sentiremo eseguire pure un pezzo di PJ Harvey o di Bjork in futuro.

Teniamo duro, gente.

Anonimo ha detto...

D'accordo su tutto, mhi era l’attrice porno fetish seduta in prima fila alle spalle della Tatangelo?

Planetary ha detto...

No ragazzi, non scherziamo, lei non è come tutte le altre.

Manuela è una che fa vento a tutti. Brava, bella voce, precisa e sopratutto INTERPRETA quello che canta con una padronanza che il resto del cucuzzaro si scorda.
E infatti è fuori, figurati se la gggente apprezza, anestetizzata da un decennio di cantantucoli R'n'b che ti vomitano addosso le loro svise.

Ah e pesta vi colga a tutti quelli che disprezzano i Baustelle :)

Kromo ha detto...

Ciao Diegoz,
anche oggi leggo il tuo pezzo e mi stupisco come non ti sia accorto (e non hai scritto) di queste cose importantissime :)

1 - io non ho mai visto una trasmissione televisiva dove convergono così tanti sosia di persone note (e tristemente famose) o è il caso, o siamo arrivati al loop e alla conseguente VERA saturazione mediatica dell'universo. ieri sera mentre parlava Elio sono stato colpito da quanto,con barba e resto, fosse spiccicato a Clooney in Syriana. e la tipa bionda alla fine era la rediviva Brittany Murphy... tanto per dirne 2!

2 - uno sceneggiatore come te non scrive neanche 2 righe su Tommasini che ringrazia pubblicamente il tipo che ha fatto i disegni alle spalle dei cantanti? Cioè: quelli sono disegni? ma che ca**o siamo, matti?

3 - stesso discorso per i vestiti dei ballerini. oltre a fare in modo da non capire neanche se sono uomini o donne o manichini, come si fa a proporre una cosa del genere? voglio dire: ci sono persone che fanno veramente dell'arte e passa sta gente qui? senza gusto e destinata ad avere consensi solo perchè si fa la stagione ad X FACTOR?... tralasciando ovviamente che la NOSTRA IRENE, sotto quegli obrobri, manco si vede... cazzo(e qui lo scrivo)!!!

con affetto. ;)

Anonimo ha detto...

Graaaaande stima a te che usi l'immagine di Mick Jagger. hahah
io non posso non spanciarmi ogni volta che scrivi il resoconto di X Factor! :D
sei un grande ;)

-si, quella ragazzina che un po' di tempo fa aveva scritto sul post del ragazzino in treno. è lei. ;)

Anonimo ha detto...

CARO DIEGOZILLA SE CERCHI D'ADDARIO e XFACTOR avrai una bella sorpresina....
LA NOSTRA MANU OLTRE CHE UNA MILF È PURE QUALCOS'ALTRO...

ClarinetteM ha detto...

Io ricorderò solo due cose di questa noiosissima edizione di XFactor.

1) Commento all'esibizione di Nevruz. Tocca alla Tatta: "No, l'altra volta ti avevo detto che avevi bisogno dell'esorcista. Penso che con uno non ci fai proprio niente. Ce ne vogliono due!"

Silenzio in sala. Il gelo. C'è perfino una balla di fieno che fa lo slalom tra i giudici, sospinta da un soffio di vento.
Nevruz tenta un timido "Meglio, meglio" trattenendo l'imbarazzo che prova per lei. La Tatta ride, unica in sala.

E poi, in sottofondo, meravigliosa, la voce di Elio che commenta: "Tutti zitti."

2) La Mara che prende ad inveire: "Sai cosa sei tu? SAI COSA SEI TU???"
E già io mi aspettavo chissà quale parolaccia da censurare.
E invece...
"SAI COSA SEI TU??? Un INSINUATORE!"

ahahahahahahahah

Anna ha detto...

E' vero Clarinette, la scena della Tatta che viene lasciata sola con la sua battutona è stata spassosissima :D

Comunque credo che nella puntata di ieri abbiano speso tutti i soldi per le scenografie ed i costumi, dimenticando di sistemare l'audio; non si sentiva un cacchio!

Se non ci fossero la Zia Mara ed Elio avrei già mandato quest'edizione a quel paese ù.ù

elena ha detto...

A 'zilla.
bello tutto come al solito ma senti, siamo seri... fa un po' ridere che chiami milf una tua coetanea. una milf per te dovrebbe essere sui 60.

Vitalia' ha detto...

Die’, sei meglio di Labranca, giuro. E ti voglio bene quasi quanto ne voglio a Tito. Le cose che scrivi sono assai serie, come lo è la satira quando non è sfottò crozzistico-zelighiano. E far ridere descrivendo tragedie è del grande scrittore. Appena pubblicherai il tuo libro di analisi e critica televisiva (perché lo devi fare, qualora non lo avessi già fatto) lo comprerò e ti citofonerò finché non scenderai giù a firmarmelo. Noam Chomsky scrive che tra le strategie della manipolazione attraverso i mass media c’è lo “stimolare il pubblico ad essere compiacente con la mediocrità. 
Ossia, spingere chi guarda a ritenere che è di moda essere stupidi, volgari e ignoranti.” Forse mi sbaglio, ma è quello che dici anche tu.

Diego Cajelli ha detto...

Grazie grazz!

@Elena:
Già. Il problema è che di anni me ne sento venticinque!

@Vitalià!
Ma ciao!
:-)
Ci sei a Lucca?

Vitalia' ha detto...

Una giornata e una serata a Lucca ce la si fa. Propongo un programmino. Cena agli Orti di Elisa, si fa 'mbriacare Faraci e poi si va tutti insieme a dare del pirla al prete. Ci si ammazza dalle risate, Diego mio.

Anonimo ha detto...

caje', la tatta non avrà gusto per le coniugazioni e tu ti rimbambisci con superlativi e apostrofi a cazzodicane. mi piace leggerti, ma di xfactor non me ne può fregare di meno, non lo capisco come fenomeno di costume o culturale, figurati musicale. vai in un coro gospel di perifieria, e di voci come quella di pucci o titti o bubbi ne trovi a fottere.
statti 'bbuono

ciccio