giovedì, ottobre 21, 2010

Fumetti al telefono 3


[The names were changed to protect the innocent]

- Buongiorno, sono Hubert Brannigan, mi ha dato il suo numero Demetrio Valvola…
- Buongiorno, mi dica!
- Ho inventato una serie nuova, ho anche tutti i disegnatori e voglio proporla alla Gianni Colt Editore, visto che lei ci lavora, mi dica come devo fare per favore…
- Guardi, anche se mi sembra un po' strano che uno arriva oggi e gli danno da fare subito subito una serie sua domani, secondo me le conviene telefonare e chiedere un appuntamento con Ettore Brugola.
- Chi?
- Ettore Brugola, prima si occupava di Billy Blade.
- Di che cosa?!
- Billy Blade! Il Cavaliere Spaziale!
- Non lo conosco.
- Mi scusi, ma lei legge fumetti?
- No.

13 commenti:

-harlock- ha detto...

ma non vuol dire, magari è uno di quelli che ha smesso di leggere billy blade col numero 100.:)
in realtà la cosa più buffa è quel "ci ho i disegnatori". che ettore brugola tipicamente ti fa portare i tuoi disegnatori da casa, sissì.

kingsimon ha detto...

se non sapessi quant'e' vero non ci crederei.....

RRobe ha detto...

Deve star facendo telefonate a tappeto 'sto Hubert Brannigan.

Carlo Del Grande ha detto...

Tanto surreale quanto interessante.

CREPASCOLO ha detto...

Bello quel '' Buongiorno, mi dica! '' - molto Simenon. Io non lo reggevo le prime volte che mi sono imbattuto in Maigret perchè trovavo inaccettabile che un individuo si esprimesse solo per esclamazioni. Gino Cervi riuscì a smussare la cosa, bofonchiando e interponendo pause drammatiche ( Camilleri, che in quegli anni lavorava in RAI al serial dice che Cervi dimenticava le battute ed è per quello che ogni tanto si fermava. ndr ), ma non sono riuscito a digerire la cosa fino a quando non ho cominciato a leggere quei comics in cui i baloons sono ripieni di puntini di sospensione, anche nelle nuvolette di pensiero ). Assertivi e titubanti. Una terza opzione non è data. Bert Brannigan sarebbe uno splendido nome per un personaggio a fumetti della Gianni Colt Editore - mi pare di vedere già un possibile incipit: B.B. è lo Jim Steranko del 21mo secolo. Dopo aver rivoluzionato il mercato dell'idraulica inventando una valvola che si apre e si chiude a comando vocale ed aver brevettato una brugola a chiave per chirurghi post moderni che permette di clonare individui completi da singole cellule svitate da un individuo e riavvitate nel dado di un brodo di cultura, il nostro si presenta alla Zilla Comics con un esercito di disegnatori clonati. Il signor Zilla li mette immediatamente ala lavoro sull'albo del Cavaliere Spaziale, la storia di tanti omini tutti uguali che lavorano per spedire il Cavaliere tra le stelle. Un bel libello che non ha il successo che meriterebbe perchè nessuno, ormai, legge più fumetti quando ha l'età per conoscere la differenza tra una valvola ed una brugola. Pazienza.

Rouges-1973 ha detto...

Questa la metto insieme alla telefonata/intervista al "Ricchioni".

Hubert Brannigan ha detto...

C'è poco da fare dell'ironia.
Il mio Robby Gear è un fumetto che spacca. Non solo è meglio da quel BillyBlade che neancora ho capito chi è, ma nel giro di un anno supererà anche Cillian Cat!

Andrea V. ha detto...

Mai troppa fregola, quando si approccia il Brugola.

Anonimo ha detto...

No, dai...davvero...no,dai...sul serio...non ci posso...ma no...dai, è impossibile...

ISA

Anonimo ha detto...

Dimenticavo...
Maestro, ci sarà in quel di Lucca? Io nn so se ci sarò ma se ci riuscissi e se anche lei fosse colà presente mi piacerebbe farle almeno un saluto...

ISA

Diego Cajelli ha detto...

Viva Brannigan!
:-)

Sì, a Lucca ci sarò tuttigiorni!

Anonimo ha detto...

YeeeeeeeHH!!
Spero di esservicisi!

ISA

Giorgio Salati ha detto...

ahahah! fantastico! incredibile... anche questo dice qualcosa sulla percezione dei fumetti in Italia...