giovedì, ottobre 07, 2010

Escort Factor.


In base alla segnalazione dell’anonimo nei commenti al post sulla quinta puntata di X Factor, ho pascolato con Google cercando informazioni.
C’è, o c’è stata, una escort a X Factor 4?
Il tutto parte da una dichiarazione di Patrizia D’Addario.
Il 24 settembre, per creare il sufficiente hype sul suo nuovo libro, la Patrizia dichiara che rivelerà tutta la verità sulle sue colleghe: “Su quelle che hanno preso i soldi e che hanno avuto quel che hanno voluto: una ora è a Palazzo Chigi, l’altra è stata selezionata come concorrente per X Factor.”
Io ho sicuramente dei problemi. Lo so. Un giorno li risolverò tutti con la trapanazione del cranio, ma per ora me li tengo.
Non vedo dove sia il problema nel svolgere la professione di escort. Non mi scandalizza, sconvolge, turba e non mi offende chi offre senza coercizioni quel tipo di servizio.
Semmai, mi pongo delle domande sulla clientela, o sullo sfruttamento illegale delle signorine.
C’è gente che si altera un casino, mettendola sul piano economico: le escort non pagano le tasse!
Dimenticandosi di tutte le volte che escono da un bar o da una rosticceria senza scontrino.
Fai la escort?
Boh. Io faccio lo sceneggiatore, mio cugino fa il geometra.
Il problema, sempre secondo il mio punto di vista sicuramente sbagliato, è nel fare la escort per ottenere qualcos’altro, non ottenerlo, incazzarsi, gridare allo scandalo (all’auto-scandalo, a questo punto) e scriverci sopra dei libri.
Vanno separati in modo netto il cliente che richiede un servizio e chi quel servizio lo offre.
Lo scandalo non è nel mestiere, ma nelle conseguenze malandrine messe in moto dal cliente.
Una volta, quando ero più ottimista nei confronti degli umani che mi circondano, avrei detto che un certo tipo di clientela non può, per coerenza, usufruire di quel tipo di servizio.
Invece pare di no. Non qui da noi perlomeno.
E’ il sesso usato come merce di scambio in assenza di qualità specifiche, e non come “prestazione d’opera” che mi da fastidio.
A X Factor c’è, o c’è stata una escort?
E dunque?
Ha vinto, e ha fatto dischi anche se canta come un coyote con la laringite?
No.
E di nuovo, non riesco a vedere dove cazzo sia il problema.
Per una questione di età e di qualità estetiche, i sospetti sono ricaduti su Manuela.
Forte!
Se fossi il suo manager userei questi sospetti come punto di forza. Non al punto di costruirci sopra una carriera, come venne fatto usando l’ambiguità della suprema Amanda, ma quasi.

10 commenti:

Greg ha detto...

è la prima volta che leggo un pensiero intelligente sulla questione escort

CREPASCOLO ha detto...

Ho conosciuto la signora D'Addario quando ha proposto il suo memoriale ad un editore per il quale indirettamente lavoro in qualità di lettore/decrittatore - qualcosa come il Condor di Redford, ma senza dover scendere in ascensore con Von Sidow che vuole aprirmi un terzo occhio -e mi sembra che Patty sia continuamente fraintesa: nel canovaccio del suo racconto, poi sottoposto a pensante editing da chi ha pubblicato il primo libro, la bionda accompagnatrice dice testualmente '' Non capisco tutto il clamore per la mia professione (...) in fondo anche nella run di Joe Casey degli X-Men è stata introdotta una prostituta mutante dai feromoni seducenti ! ''
Detta così la cosa non avrebbe generato eco ( è il destino di Casey che in quel periodo era oscurato da Morrison ) e si è scelta la opzione Fattore Ics.

Anonimo ha detto...

attendo impaziente il nome, non si sa mai...

Design270 ha detto...

Claudia Mori.

Locomotiva ha detto...

@Crepascolo: PeNsante editing è lapsus freudiano, o ti si sono solo intercciati i diti?

CREPASCOLO ha detto...

Non era voluto, ma pensante editing mi piace moltissimo. Grazie !

Giorgio Salati ha detto...

Ciao Diego, ti ho segnalato sul mio blog come esempio di blog degno di lettura!

Ciao!

Anonimo ha detto...

Se è veramente lei, non mi dispiacerebbe avere il suo numero di telefono, 'zie ^_^

Ah, se poi avete anche quello della sorella bionda, più giovane ed ancora più topa, pure meglio!

Anonimo Veneziano

Anonimo ha detto...

finche fanno X Factor o scrivono libri va bene..il problema è quando le fanno Ministre O_o

Anonimo ha detto...

Mi è piaciuto molto quello che hai detto. E condivido. è nel momento in cui certe donne fanno quel mestiere per altri fini oppure nel momento in cui vengono sfruttate o costrette a farlo che diventa un grosso problema. Ammetto che, non appena sentite certe voci, anch'io ho pensato a Manuela per questioni di età e caratteristiche fisiche perchè comunque è una bella donna. Però anche se fosse è comunque brava a cantare e ha talento. Le auguro di avere successo! Poco male se ha fatto o fa un altro determinato lavoro, che di certo non farei e non stimo ma non mi tange minimamente.
Alessia