giovedì, giugno 03, 2010

Film (porno) in aereo!



Per andare e tornare da New York ho preso un volo Air Europa.
La Air Europa ha degli schermini sul sedile davanti, davanti al tuo naso, e guardi un po’ quello che ti pare. Peccato che il mio non funzionava benissimo e allora niente. Mi sono ritrovato a sbirciare il film che stava guardando quello seduto davanti a me.
Twilight New Moon.
Praticamente un film porno con la regia dell’Ispettore Derrick.
Sarà stato il dormiveglia, però tutte le volte che emergevo dal pisolo e guardavo verso quella merda c’era sempre la stessa scena:
Lei, con l’espressione della fatica nel digerire la polenta con il capriolo, che parlava di qualcosa di importantissimo con due Lui.
Il Lui numero uno era un tipo color totano, che ogni tanto luccicava, e che si era messo gli occhi da duro di Mr. Potato.
Il Lui numero due era uno con i muscoletti gonfi, dall’aria più sana e con la faccia da cicciobello.
Quando io ero un teenager, nel 1986, il mio equivalente di New Moon è stato: “The Erotic Adventures of Dickman & Throbbin”, in italiano: “La moglie svergognata” di Jerome Tanner. Con Amber Lynn, Joanna Storm, Tom Byron, John Holmes e altri.
Secondo me era molto molto molto più onesto e sincero.
Almeno si arrivava al punto e la tempesta ormonale teenageriale non era repressa.

6 commenti:

rae ha detto...

vorrei scolpire questo post in una lastra in granito 1,5 per 1m e poi fracassarla sulla testa delle mie colleghe (22 e 28 anni) alla prossima volta che tutte eccitate si ricordano che il 31 esce il terzo episodio

Planetary ha detto...

Ma quella era pornografia per maschietti :D
La pornografia femminile sono i twilight, le boyband, i libri harmony...

Lanterna ha detto...

Non è che si può dire ad Harlan di farsi un giretto dalle parti dei vampiri di Twilight, che sono molto più dannosi di quella mezzasega di Marsden? So che verrebbe una boiata pazzesca, ma vedere Edduccio impalato mi darebbe una grandissima soddisfazione.

Anonimo ha detto...

Lei, con l’espressione della fatica nel digerire la polenta con il capriolo, che parlava di qualcosa di importantissimo con due Lui.
Il Lui numero uno era un tipo color totano, che ogni tanto luccicava, e che si era messo gli occhi da duro di Mr. Potato.
Il Lui numero due era uno con i muscoletti gonfi, dall’aria più sana e con la faccia da cicciobello.

AHAHAHAHAHAHAHAHAHJA!!! Non potevo, no davvero, nn potevo fare di meglo!!

Isa

Stefano ha detto...

92 minuti di applausi.
Rae, fallo! Fallo!

Anonimo ha detto...

Il commento di Lanterna mi ha messo addosso il bruciante, censurabile desiderio di vedere un maestro che si atteggia alla "Edduccio" e viene eliminato in modo cruento e crudele da Harlan e Kurjak... O quantomeno vedere una "Bella" diventare inevitabilmente spuntino d'emergenza della nostra Tesla...
Bellissimo, spero di sognarla stanotte una cosa così

Layla