martedì, giugno 22, 2010

Diecigiorni



Grazie a calcoli complessi, formule della cabala, matematica quantistica, equazioni su ottanta lavagne da risolvere indossando una giacca marrone di velluto con le toppe sui gomiti, ho quantificato con esattezza il mio ritardo.
Dieci giorni.
Sono in ritardo di dieci giorni sulla mia personalissima tabella di marcia.
Ora che lo so, ho redatto la lista di lavori da fare ordinati in base all’urgenza.
Bene.
Il risultato finale è che adesso quando perdo tempo mi sento in colpa in ordine di priorità.

2 commenti:

Rouges-1973 ha detto...

eheheheh
per un momento m'e' parso di esser finito sul blog del BVZM.....

Davide ha detto...

per fare il calcolo hai perso 6 ore

ora sei in ritardo di 10 giorni e un quarto

è la solita storia di quelli che si fanno le liste delle cose da fare

1) fare la lista
2) controllarla
3) listare le cose
4) ...

nel frattempo qualcosa l'avresti fatta...