venerdì, marzo 19, 2010

Ghost Lab!



C’è questo nuovo favolosissimo programma su Discovery Sci.
Due fratelli americani tabbozzi, con una squadra intera di collaboratori tamarri, che gironzolano per gli Stati Uniti a caccia di fantasmi.
Beccano una casa infestata, o presunta infestata, e ci si infilano dentro con tutto un armamentario elettronico, sostenuti dalla loro tabbozzitudine. Cercano tracce, registrano, usano apparecchiature “molto sofisticate” per loro definizione.
E’ un programma favoloso.
Perché è basato sul niente.
O meglio, è basato su:
- hai sentito?
- hey, aumenta la temperatura!
- Accidenti un picco elettromagnetico!

Livello di coinvolgimento da casa: meno sette.
E’ tutto giocato su innumerevoli “potrebbe”, su loro che girano in corridoi bui, primi piani, collaboratori con lui sotto il mento. In confronto The Blair Witch Project ha la struttura formale di un film di Spielberg.
Il momento topico di ogni episodio è l’ascolto di una registrazione ambientale, prova inconfutabile della presenza fantasmatica. Tipo che ci sono anche i sottotitoli, eh.
I fratelli tabbozzi hanno una grandissima fantasia. Superiore alla mia.
Tutte le volte, io non riesco mai a capire quello che dice il fantasma. Per me sono pernacchie elettroniche e fruscio di fondo amplificato, loro invece, sono frasi complesse di senso compiuto.
Poi fanno anche delle foto. Già. Sì.
Le immagini potrebbero rappresentare una qualunque cosa al mondo. Basta che sia focata o in ombra. Però, siccome te lo dicono loro e ti devi fidare, si tratta di una manifestazione spiritica.
La cosa più affascinante però, è il loro metodo.
I tamarri, per scatenare le presenze, provocano i fantasmi.
Tipo che entrano e cominciano a trattarli male. Ma proprio male, come dei bulli di strada.
- Fatti vedere, bastardo!
- Sei morto qui, eh?
- Avanti, non ho paura di te, mostrati!
Roba che se trovano una casa infestata sul serio, la seconda stagione di Ghost Lab potrebbe intitolarsi: Due fratelli tabbozzi al manicomio.
E un po’, sotto sotto, ci spero.

4 commenti:

Cri ha detto...

preparati che c'e' anche una versione con gli stessi due che visitano posti improbabili in Europa..imperdibile :)

Guido ha detto...

c'è di peggio...
una volta ho visto un documentario su bigfoot, c'erano 2 tizi, uno spiegava che secondo lui il bigfoot è un animale docile, amichevole, mentre l'altro caricava il suo fucile da caccia.
momenti indimenticabili, come "hey, ci tirano le bacche, sicuramente è bigfoot!" o "c'è un tronco in mezzo al sentiero, è un chiaro messaggio del bigfoot che vuole sbarrarci la strada"

Quad ha detto...

Non potrebbero essere da spunto per le prime 10 pagine di una futura storia di Dampyr? :)

Anonimo ha detto...

Nell'ultima serie di South Park c'è una puntata dedicata alle celebrità morte in cui c'è una parodia strepitosa di questo programma