lunedì, marzo 15, 2010

Aggiornamenti quantici!



Questa settimana, molti post compariranno grazie al sistema di aggiornamenti programmati di Blogger.
In verità, li sto scrivendo e preparando tutti oggi.
L’oggi da cui ti scrivo è sabato mattina. Che ho un po’ tempo.
In sostanza scrivo dal passato, è la tentazione di scrivere: 4 8 15 16 23 42 è grande.
(Infatti non ho resistito e l’ho scritto.)
Poi, c’è tutta una questione narrativa su cui rifletterò almeno fino a lunedì. Ovvero, quando comparirà questo messaggio qui.
Dato che scrivo prima e aggiorno dopo, secondo me si crea per forze di cose una dimensione temporale e una realtà parallela.
Io scrivo. Magari domenica sera vengo rapito dai Grigi di Zeta Reticuli e sparisco. Il messaggio però verrà pubblicato lo stesso, e di conseguenza tutti gli altri che sono stati programmati.
Ma io sono su Zeta Reticuli. Per cui, ci saranno due Dieghi.
Uno che arriva dal passato e scrive sul presente senza esserci, e uno che vive in un presente diverso.
Magari lasci anche un messaggio, ma lo lasci al Diego di sabato, non a quello di oggi.
Oggi che per te è lunedì ma per me è sabato.
Secondo me, se c’è qualche fisico quantistico in ascolto, può spiegarmi meglio questa sensazione.
Tutto sta nel capire a quale Diego la spiegherà.

3 commenti:

Luigi l'appeso ha detto...

Hai realizzato una situazione detta "entangled quantistico", ovvero due sistemi i cui stati e autostati sono collegati tra loro. Le interferenze o gli "operatori" quantistici che si applicano ad uno influenzano anche l'altro istantaneamente (a "velocità "sovraluminare"). Ancora oggi si sta cercando un modo per sfruttare questo fenomeno per la trasmissione dell'informazione.

Se chiamiamo le tue azioni di Diego-milano "A" e le tue azioni di Diego-zetareticuli "B", secondo la meccanica classica di newton per noi che osserviamo il sistema ti potresti trovare nello stato A o in quello B. Ma la meccanica quantistica definisce uno stato intermedio non-classico "1/2 A + 1/2 B", che persisterà finché non ci dai segni di vita. Ogni azione avverrà in entrambi gli stati (esperimento di young, cap.3 http://www.pi.infn.it/~cei/didattica/complementi/dispense/) mentre se una persona ti osserva, perturberà questo sistema provocando una ricaduta istantanea nello stato A o in quello B. Le tue particelle "autointerferiranno" tra loro a causa dell'osservatore.

(Purtroppo sono solo un ingegnere elettronico, so che ti sarebbe piaciuto dire "mi legge un fisico quantistico")

Diego Cajelli ha detto...

Ecco, lo sapevo che la mia sensazione non era del tutto una minchiata!
Eggrazie!

Anonimo ha detto...

A me son venuti DUE mal di testa, uno a leggere la pate finale del post ed uno a leggere il primo commento...
si stanno litigando con le vocine che abitano il cervello, persino le due abusive...

ISA