giovedì, ottobre 01, 2009

X Factor 3 - quarta puntata -



Alle 21.03, nell’esagitazione generale, tra le esplosioni di flash bomb, un Facchinetti vestito come il Mago di Segrate da il via alla quarta puntata di X Factor.
Sarà un puntata memorabile, che rimarrà per sempre nella storia della televisione italiana. Uno: ci saranno i Tokio Hotel come ospiti. Due: Ci sarà un collegamento con l’ultimo concerto dei Pooh nella formazione originale. Tre: Ci sarà Cecchetto come giudice aggiunto nella seconda manche.
La mia schiena viene percorsa dai brividi e ho un nodo nello stomaco. Non capisco se è l’emozione per una serata così ricca, oppure è colpa della peperonata cingalese con le cozze e il cinghiale che ho mangiato, fredda di frigo, per cena.
Mandano in onda un servizio sulle polemiche Mori Vs Autori della puntata scorsa. Una roba che Studio Aperto avrebbe vergogna a trasmettere. Ci manca la colonna sonora del Favoloso Mondo di Amelie, un cagnolino abbandonato, un orso da coccolare, l’estate più calda del millennio, le tette di qualcuna e poi c’è tutto quello che serve per farti incazzare.
Inzia la gara. E’ Ornella a salire per prima, con One degli U2.
Canta vicino a due manone girevoli. Sono il calco delle mani di Gianni Morandi, portano fortuna.
Fatto sta che trovo la performance di Ornella tanto interessante quanto osservare per ore un distributore automatico di bevande calde in avaria.
Fuori dagli studi, quattromila bimbominchia in delirio aspettano i Tokio Hotel. Mi dicono che sono lì dalle sei del mattino.
Tocca a Francesca, canta The Boys Does Nothing di Alicia Dixon.
Oggi, il tecnico audio ha i cazzi suoi. Il cagnolino abbandonato nel servizio di Studio Aperto era il suo, per cui è un po’ distratto e fa qualche casino.
Dopo un momento di panico, e un secondo inizio, Francesca si esibisce. La trovo molto convincente. Non capisco perché sta cosi tanto sulle palle a Morgan.
Questa sera Francesca ha nascosto la sua insicurezza tra i capelli e mi piace un bel po’.
Sogno di navigare nel suo universo tricotico con un astronave, cercando un pianeta di classe M nella galassia in basso a desta, vicino all’orecchio.
E’ il turno di un servizio speciale sul talento incompreso Pierpaolo, spronato a partecipare alle selezioni da un non meglio identificato Tenore di Torino.
Zia Mara, in formissina, conclude con un aneddoto aggiuntivo. Tipo che Pierpaolo poi ha telefonato a suo marito, dando dell’uomo di merda a lui e della puttana a lei.
Il servizio, assume un ottica di difesa da uno stalker.
Facchinetti si preoccupa sempre del Moige, dovrebbe preoccuparsi anche della Lega Italiana Protezione dei Congiuntivi.
Tocca alle Yavanna. Usciranno con o senza le orecchie? Per sicurezza telefono a Tulsa Doom, il signore dei serpenti, quello che una volta pensava che il potere fosse nella spada e poi ha capito che invece è nella mano che la brandisce. Vorrei avvisarlo che ci sono tre ancelle pronte, alle quali può dire: Tu! Vieni a me!
Trovo occupato. Forse Tulsa Doom è al telefono con Conan.
Poi sul mio televisore compaiono tre coppette di gelato Häagen-Dazs di dimensioni colossali. Si aprono. Dentro di sono le Yavanna. Cantano Aria, di nonsochi. Succinte, scalze e svolazzanti.
Ecco. Non comprerei mai un disco di queste qui, ma senza le orecchie di gomma le trovo abbastanza sopportabili.
E’ il momento di Mario, la new entry. Accompagnato in scena dall’infermiera porca dei film di Pierino, ma che ricorda un po’ quella di Silent Hill. Mario canta La Crisi dei Bluvertigo.
Non lo so. C’è qualcosa che non va, l’immagine c’è, bisogna lavorare sul resto.
Dopo sei ore di polemiche, arriva Damiano. Canta Redemption Songs di Bob Marley.
Se fossi uno colto, ti direi che i libri posati a terra che vengono sfogliati dal vento sono una dotta citazione al cinema metafisico di Šarūnas Bartas. Ma dato che non sono un intellettuale, a me hanno ricordato una scena di Debbie si fa Dallas parte 6.
Per fortuna la canzone è stata riarrangiata e non è più un reggae. Non ce la faccio con il reggae, piuttosto ti autorizzo a sfogliare la mia rarissima collezione completa di Kamandi della Edizioni Corno con le mani sporche di sugo.
Damiano va bene. Ma non è una sorpresa.
Fine della prima manche.
Intanto fuori, arrivano i Tokio Hotel. C’è sto tizio con i capelli stirati, che firma autografi, provocando infarti tra giovani cuori in fibrillazione ormonale.
Giunge l’esito del televoto. Allo scontro finale ci andrà Ornella.
Quindi, alle 22.32, sul palco di X Factor, salgono i Tokio Hotel. Cantano Automatic.
Bene. Finalmente vedrò i Tokio Hotel. Mi succede qualcosa. Forse per colpa della peperonata cingalese con le cozze e il cinghiale mi trasformo in una quattordicenne emo sovrappeso che urla piangendo.
Stupendiximiximiximiximooooo!!!!!!!! Braviximiximiximiximiiiii!!!!! No cioè però mtk!!!! Ma a te kuale ke ti piace di + ?!?!?!?!!?!?!?!?!?!?! A me Tommino ke è carino carino e fa il kattivo. Poi cià il pirsing. Ma qnt è bello Bill vestito come la versione dark del mago zurlì? Cmq alla fine, adoro alla follia ttt qnt, xkè dnsu la vetta della torre antika pssr solitario, alla kampagna kantando vai fnk nn more il giorno E ra l’armonia per qst valle. Primavera dintorno brilla nell’aria, e x li kampi esulta sì ka mirarla intenerisce il kore.
Alle 22 e 39, inizia la seconda manche. Arriva Cecchetto, e si porta dietro tutti gli anni ’80. Li ha conservati con estrema cura nel continuum temporale del suo cervello. Sentirlo parlare, è come apire una finestra nella Milano che fu. E’ inquietante. Mi aspetto da un momento all’altro un collegamento con il congresso del PSI e la piramide, i garofani, le feste al Vogue e gli yuppies.
Inizia la seconda manche Marco, cantando Psicho Killer dei Talking Heads. Dopo una polemica di mezz’ora dalla quale evinco che a riguardo della preparazione degli aspiranti, qualunque cosa aspirino a diventare, musicisti o fumettisti, sono sulle stesse posizioni di Morgan.
Marco canta, ma non riesce a infondere al pezzo la stessa angoscia che ci metteva Byrne.
E’ un ragazzo troppo squinternato a tavolino per trasmettere un disagio vero.
Tocca a Sofia, con L’Anno che verrà di Dalla. Indossa la stessa camicetta della signorina Rottermaier e canta nella nebbia, davanti a un tizio immobile.
L’arrangiamento, in tema con la camicetta, è lo stesso delle sigle dei cartoni animati. Dato che non ci sono razzomissili e componenti da lanciare, trovo tutto abbastanza tremendo.
E’ il momento di Chiara, con Perdere L’amore di Massimo Ranieri. Alle spalle di Chiara, c’è l’abat-jour di Godzilla con dentro le ombre di due ballerini che ballano. Mi piace parecchio. Moltissimo.
E’ brava, e l’arrangiamento sussurrato e non urlato aggiunge grazia al tutto.
Danno la parola a Carlo Pastore.
Metodi per divertirsi con Carlo Pastore #145.
Recarsi nella più vicina base in Antartide, dove un gruppo di simpatici scienziati sta procedendo con il carotaggio degli strati di ghiaccio. Rubare nottetempo tutte le punte delle trivelle. Al mattino, di fronte alla tristezza degli scienziati, risolvere il problema dicendo:
- Perché non provate con questo?
Montare Carlo Pastore sulla punta del pistone idraulico termoriscaldato per la perforazione dei ghiacci.
Aspettare per vedere l’effetto che fa.
Arriva il turno dei vi-dobbiamo-essere-simpatici-per-forza Luana Biz. Cantano I Don’t feel like dancing degli Scissors Sisters.
Vanno a spasso per lo studio perche vi-dobbiamo-essere-simpatici-per-forza. Dato che ci siete, potete venire a lavarmi la Skoda? Vi troverei molto più simpatici.
Il pezzo non ha energia vitale. Si prova un paio di volte con il defibrillatore, ma poi il dottor Greene si arrende.
Per una questione numerica, visto che a Mara sono rimasti solo due gruppi, I Luana simpatia-simpatia Biz ce li dovremo tenere per un bel po’. Mi rassegno.
Silver chiude la seconda manche, con Svalutation di Celentano. Ha lasciato la chitarrina al campeggio degli scout, sperando che non la usino per accendere un falò su cui arrostire le toffolette. Agghindato un po’ come Rino Gaetano, Silver canta un pezzo degli anni settanta che sembra scritto ieri. Sarà il testo, sarà che ha la faccia giusta, ma questa ser Silver è il mio preferito. Bravo.
Ci si collega ancora con i Pooh in concerto, si lasciano dire due cazzate a Cecchetto, anzi, dice sei volte la stessa cosa: “La musica si vede”.
Dire sei volte che la “musica si vede” con quell’onesta convinzione di rivelare una sconosciuta verità, oggi, nel 2009, ha un che di tenerissimo.
Non si può non voler bene a Cecchetto, non ditegli per esempio che nei tempi in cui viviamo la musica può arrivare in modo virale, altrimenti gli esplode il cervello.
Viene data la Parola a Carlo Pastore.
Metodi per divertirsi con Carlo Pastore #146.
Recarsi nei pressi di una scogliera della tundra artica, durante la migrazione dei Lemmings.
Sorridere verso Carlo Pastore dicendogli:
- Ora vai, segui i tuoi simili!
Aspettare per vedere l’effetto che fa.
L’esito del televoto decreta che lo scontro finale sarà: Ornella contro Sofia.
Cantano quello che devono cantare, fanno i loro appelli, tricchetracche.
Mori dice: Ornella.
Morgan dice: Sofia.
E’ tutto nelle mani di Mara Maionchi, che è un po’ come dire: ah ah ah molto bene hai cantato bene bravo mi sei piaciuto cazzo vaffanculo.
Mara dice: Ornella.
Ed è Ornella che viene eliminata. Nonostante una versione di don crài for mì argentina che lucida gli occhi a tutti i peronisti in ascolto.
Per ripicca, Maradona picchia l’ambasciatore italiano a Buenos Aires.
0.20, fine della quarta puntata di X Factor.

AGGIORNAMENTO!
Via mail mi chiedono come si fa per leggere i miei resoconti delle puntate e dell'edizione precedente di X Factor.
E' semplice, nella colonna a destra devi scendere fino a "etichette" e cliccare su "X Factor".
Oppure clicca qui che ti ho messo il link per direttissima.

15 commenti:

Miroku ha detto...

Ammetto di non aver ascoltato
molto il pezzo originale ma a me
Marco è piaciuto tantissimo. Non lo vedo così studiato sai. Però sicuramente ha un tipo di inquietudine diversa.

Quando non si è aperto il microfono al Pastore ho gridato al miracolo; peccato il Peroni è stato altrettanto insopportabile.

Spero che entri un gruppo la settimana prossima. Mi secca essere ostaggio dei Luana Biz

Anonimo ha detto...

Un momento fondamentale della serata:
primo collegamento con i Pooh, FacchinettiJR a FacchinettiSR
"Ciao papi, come stai? siete carichi?"
"Ciao Franci, tutto a posto, lì come va?"
Professionali.

Anonimo ha detto...

il giovedì mattina la prima cosa che faccio è dar vita al pc (?) e attendere impaziente la tua cronaca del mio personalissimo iss'fattorr (ihihih) insomma sei mitico! cmq dopo sviolinata, nn sono cn te rispetto a ciò che pensi di mrco per me è il migliore e lo sa perciò si permette quell'atteggiamento da strafottente tipo sono-un-marcocarta-evoluto-ma-con-lui-ha-funzionato ecco questa parte mi disturba e morgan ha fatto bene a chiamare ignoranti quelli che non si aprono a nuove esperienze musicalmente colte...altra nota di dissenso IODIO (alla morganvertigo maniera) claudia mori è insostenibilmente stupida e a mio avviso incompetente almenno in questo contesto, ci azzeccava di piu' la simo con la sua pancia che la mori con la sua esperienza... chissà...e poi ha bisogno del silenzio degli altri per parlare, uno il proprio spazio e l'attenzione degli altri se li deve guadagnare dicendo cose sensate e interssanti non invocando l'educazione lascia-finir-parlare-me-e-poi-parli-tu!!!scusa sono prolissa chissà se mi leggerai boh... meg.21

Curioso ha detto...

Però ieri Francesca era identica a Cinzia Leone. Impossibile non tenerne conto nel giudizio.

Magnolia ha detto...

Beh, oddio, meg.
Di solito se uno vuole che a casa capiscano chiede di lasciarlo finire di parlare.
Poi non so, eh. Può darsi che per i ggggggiovani d'oggggggi non sia più così, ma a me piace sempre la buona educazione. *brandisce il bastone per aria mentre la dentiera si stacca e precipita sulla minestra di semolino*.

Premetto che ho visto solo metà puntata, da Chiara in poi per capirci. Che mi è piaciuta parecchio (Chiara, non la puntata). E anch'io ho ringraziato Padre Maronno urlando al miracolo quando per ben due volte il microfono di Carlo Pastore si è rifiutato di funzionare.

Anonimo ha detto...

Diegozilla ti ho sgamato...ti sei troppo addormentato!! :-) Confessa ti e' ceduto l'occhio sul finale...a causa del ritardo le due concorrenti l'appello questa volta non l'hanno fatto!! Beccato!! :-)

Kromo ha detto...

io ho trovato fantastico quando Morgan ha tolto le bacchette dei Toccami in Hotel a Mister Pastorino... è stata proprio la classica situazione quando si tolgono i giochi ai bambini piccoli per farli piangere AHAHAH.
,,, che poi per me l'ha fatto per impedirgli di rivenderle su ebay e farci del grano oppure per vantarsi nelle serate a casa tirandosela come grande esperto di musica e conoscitore di gruppi (bello! direte voi. proprio con i Toccami in Hotel! ... ma signori... lui è Mister Pastorino!!!)
davvero sempre più inquietante quello che ancora non ho capito chi è vicino a lui... se penso che Tito con la musica ci ha mangiato per un po di tempo... cazzo, è proprio lui!

ultima cosa: quel faccia di mer*a di Marco spero finisca sotto una macchina! ha quell'aria da: Scusa come si fa questa cosa?... glielo spieghi e poi lui fa quello che aveva deciso dall'inizio fregandosene. non contento, se gli va male la prox volta farà lo stesso!
le Yavanna gli farei tante cose: per dettagli prendere a caso una Battuta di Jay (nei film di K. Smith) e moltiplicarla per 3...

scusa amore... :)

beppax ha detto...

Ehm... non per fare il precisino ma "Redemption Song" è l'unica canzone non-reggae di Bob Marley...

Joel ha detto...

W il reggae!
Pessima la Mori, l'esempio lampante della sua incompetenza é stato quando a chiesto a Morgan che direzione volesse prendere con Ornella. Successivamente il buon Morgante, come tutte le persone competenti, ha spiegato in modo esauriente la sua idea e l'unica risposta della MOri é stata "sono d'accordo, sisi, bravo" ci ha provato e non ci é riuscita con la gente che sa quello che fa non ci si riesce mai.

[c]* ha detto...

si sa nulla dei "Chuck Norris Facts - Carlo Pastore Ediction"?

pare che c'è molta attesa.

è simile ai Chuck Norris Facts normali, ma tipo così:

Chuck Norris ha fatto la fortuna della Folletto, riducendo Carlo Pastore in polvere

Chuck Norris può chiudere Task Manager di Windows, usando Carlo Pastore.

etc...

Lalla ha detto...

Tu scrivi troppo bene la lingua dei bimbominkia. Troppo. Sono certa che nascondi verità inenarrabili.
E un apostrofo.

Anonimo ha detto...

Ma Diego hai distrutto un mito degli anni ottanta !!!! Cecchetto....


HAI FATTO BENE!!!

Mizzi ha detto...

... cherridere, senza parole!!

Design270 ha detto...

Diegooo, ma Francesca non ti ricorda troppo CINZIA LEONE???

melissa ha detto...

Aria di Gianna Nannini scritta per la colonna sonora del cartone animato Momo alla conquista del tempo :-)