martedì, giugno 23, 2009

Facciamo finta che...



Per un istante, un istante solo, facciamo finta che l’Italia sia uno stato da prendere sul serio e che abbia un ruolo attivo e importante nella politica internazionale, nell’economia, e in tutte quelle cose utili per essere uno stato importante e non il paese delle barzellette.
Facciamo finta.
Premessa fondamentale per non ridere quando leggerai quello che scriverò tra poco.
E’ un “esercizio”, la fantasia di uno scrittore, un what if.
Il premier di uno stato importante quindi, invita in un palazzo di stato un tot di donnine, che entrano senza alcun controllo. Una di queste fa foto, registrazioni, eccetera.
Il premier gli fa vedere i video del suo incontro con Bush, parla di politica, fa il brillante.
Ottimo. Se fossi il direttore dei servizi segreti di una potenza nemica sarei al settimo cielo. Ho una straordinaria via di accesso per installare microspie, ottenere informazioni, incastrare o ricattare il premier in questione.
Ipotesi.
Un presidente più importante, decide di avvisare il nostro premier di una imminente azione antiterrorismo. Una telefonata.
Il premier risponde. E’ a letto.
Al suo fianco c’è Gina Coscedifuoco.
- Che cosa succede, caro?
- Niente… Era l’abbronzato. Arresteranno uno a Milano, bho, non ho capito…
- Scusa un momento, devo andare in bagno.
E Coscedifuoco, che la sa più lunga di quanto lasci intendere, avvisa chi di dovere.
Accordi economici, piani industriali, segreti di stato, operazioni di borsa.
Elementi a conoscenza del premier che potrebbero, in qualche modo, essere sfruttati a vantaggio di qualcun altro.
Chi me lo dice che il repentino accordo Opel Magna ai danni della Fiat non sia frutto di un intercettazione da lenzuolo?
Certo, tutto questo riferito al nostro paese delle barzellette fa sorridere.
E sorridendo, si dovrebbe anche capire quanto percezione di questa faccenda sia inconsciamente commisurata al nostro non contare un cazzo.

2 commenti:

suXgiu! ha detto...

sarà.... io sento sempre più puzza di bruciato...
uno che ha tanto potere, non solo politico, di cui si può dire tutto, ma certo non che sia ingenuo, che si fa "pizzicare" così banalmente!
mumble mumble... a una settimana dopo la legge sulle intercettazioni...
mumble mumble... e se volesse far passare che sia "tutto normale" perchè "lui" si può permettere di tutto al G8, in TV, nel suo letto, ...
mumble mumble...

Anonimo ha detto...

Ma vaa!
Ma che vai a pensare!
Ma che è, un film? Quello tromb... e basta!!! Ha ha ha!!!

(firmato: gli avventori del bar)