martedì, aprile 07, 2009

Enel, questione di modi.



Suona il telefono. Rispondo. Una voce dice:
- Buongiorno, è l’Enel, c’è un problema sulla linea, potrebbe leggermi la sua bolletta?
- No.
Rispondo io.
- Per prima cosa tu non sei dell’Enel, tu sei di un call center commerciale che lavora per conto Enel. E non c’è nessun problema sul mio impianto, e anche se ci fosse tu non potresti saperlo, perché non sono un cliente Enel. E poi quello che c’è scritto sulla mia bolletta saranno anche cazzi miei e non te li dico. Addio.
Per cui, dopo la visita porta a porta, arrivano anche le telefonate.
Mi piacerebbe sapere quale manager dell’Enel ha affidato questa campagna aggressiva, giocata sull’equivoco, sul mancato rispetto della privacy, e sui toni perentori.
In sostanza c’è qualcuno che ti telefona, o ti piomba in casa, spacciandosi per qualcun altro, chiedendo di vedere un documento privato, di un’azienda concorrente, come se fosse una cosa loro.
L’odore è quello della truffa. I modi sono quelli del raggiro, del gioco delle tre carte nel parcheggio dell’Autogrill.
Per cui, mi ripeto: L’Enel fa concorrenza all’A2A infinocchiando le vecchiette.
E questo la dice tutta sulla serietà dell’azienda.
Poi, bastano tre minuti di ricerca in rete, per capire se le tariffe proposte, o meglio: se le tariffe che ti impongono se ci caschi, sono convenienti o meno.
La risposta, come nel gioco delle tre carte nel parcheggio, è chiaramente no.

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Confermo i modi truffaldini di Enel per infinocchiare le vecchiette, letteralmente: la madre di una mia amica, anziana e non autosufficiente mentalmente è stata subdolamente convinta a firmare un contratto con Enel, tempo fa, e ce n'è voluto di tempo e fatica per disdire il contratto.
Tattica aggressiva è dire poco...

Patfumetto

-harlock- ha detto...

Il mio QI è quello di una vecchietta.

Sigh.

Diego Cajelli ha detto...

Ma no, è che non si può vivere costantemente in allerta-truffaldini!

Anonimo ha detto...

e Sorgenia non è da meno...

Anonimo ha detto...

comunque ricordatevi che in qualunque momento, basta una raccomandata A/R a Enel Energia e un preavviso di 30 giorni e si può recedere dal contratto! Lo dice l'Autorità per l'energia elettrica ed il gas...