venerdì, febbraio 29, 2008

Cito e Integro

Questa mattina mi sveglio incazzoso, sarà per colpa dei trigliceridi di cui ho accennato nel post qua sotto, sarà la carenza di potassio, calcio e magnesio, fatto sta che sono predisposto alla rissa.
Non so come e non so perché, bevendo il mio (per imposizione) unico caffè della giornata, mi imbatto in un articolo, ci arrivi ciccando qui.
Paola Ferrari si candida per La Destra, segue intervista.
Premetto che ho letto l’articolo solo perché ho fatto confusione, c’è scritto Paola e io avevo capito Isabella, e ti lascio immaginare il mio stupore iniziale.
Stabilito che si tratta di Paola e non di Isabella, non avendo alcuna frequentazione calcistica, per me è una perfetta sconosciuta, e vabbè.
Ormai ero lì, e l’intervista me la sono letta tutta.
Io voglio bene ai giornalisti, credo che mai come oggi il loro sia uno dei lavori più difficili da gestire, però…
Sarà che oggi sono incazzoso e con un calo di potassio, sarà che ultimamente la mia vena polemica è particolarmente sensibile, sarà che siamo in campagna elettorale…
Però, cazzo, anche il giornalista più imparziale e distaccato del mondo, non può rimanere indifferente alle minchiate che la signora Ferrari ha sparato in questa intervista.
Cito e Integro.

Aldo Cazzullo chiede:
La Destra non ha il problema di sciogliere i nodi con il fascismo?
La Ferrari risponde:
«Non giudico il passato. Sono nata negli Anni Sessanta; ai tempi del fascismo non c’ero. Le dico solo questo: il mio viaggio di nozze l’ho fatto a Gerusalemme».

Uno, non ti ho chiesto dove sei andata in vacanza.
Due, per cui il ragionamento è: Se non c’ero non vale?
Allora, dato che non ho vissuto in Cambogia negli anni settanta, posso non prendere una posizione nei confronti di Pol Pot?
Nel 1300, io non c’ero, allora perché dovrei conoscere la Divina Commedia?
E poi, soprattutto…
Tre, perché questo tipo di logica va bene solo per la Destra?
Perché quando uno si dichiara di Sinistra, deve sempre e comunque fare i conti con il comunismo e relazionarsi all’Unione Sovietica anche se è nato negli anni ‘80 a Rozzano?
Quattro, comunque non hai risposto alla domanda.

Non teme rigurgiti di antisemitismo nelle sue fila?
«L’antisemitismo lo condanniamo al cento per cento. Ma non ne voglio neppure parlare. Chi rispolvera antiche etichette nasconde mancanza di argomenti. Contano i fatti. Candidare una donna premier non è forse un segno di novità, di modernità?».

Uno, non ti ho chiesto notizie sulle quote rosa o su come essere moderni oggi.
Ti ho fatto una domanda precisa su una questione che non è antica, non cade in prescrizione, non è una mancanza di argomenti. E’ una domanda su un qualcosa che non è legato al moderno, è legato alla civiltà umana.
Due, l’antisemitismo non è un etichetta. E’ un tatuaggio su un braccio e dei lucchetti su un treno blindato.
Tre, appunto perché non ne vuoi parlare allora ne parliamo, io chi sono? Il tuo portavoce o un giornalista?
Allora parliamone, spiegami perché non ne vuoi parlare. Raccontami quali sono le vostre posizioni, e se per te c’è differenza tra antisemitismo e antisionismo.
Quattro, comunque, sappi che candidare una donna premier non è un segno di novità.

Con Storace ha parlato?
«Certo. Persona gradevole e interessante ».

Auguri.

6 commenti:

madmac ha detto...

per me c'è il lato positivo, finalmente potrò guardare la Domenica Sportiva senza dover sopportare i suoi commenti idioti

laura ha detto...

Probabilmente non l'ha mai nemmeno sentita la parola "antisionismo". Dopotutto è stata in luna di miele a Gerusalemme e questo naturalmente risolve tutto. Un po' come dire: no ai pacs, ma ho tanti amici gay, no?

King Mob ha detto...

Mah... non vorrei innescare una discussione politica, ma credo che il problema segnalato da Beppe Grillo sia più attuale che mai. Abbiamo troppi giornalisti zerbini che non vogliono o non possono fare domande scomode. Per non parlare delle notizie omesse o addomesticate.

Per quanto riguarda i trigliceridi, ti conviene non puntare solo ad una alimentazione controllata. Esiste un prodotto composto da ingredienti naturali, lo trovi in farmacia o in erboristeria, che abbassa i valori senza essere un vero farmaco (e quindi senza effetti collaterali). Si chiama triglicoil.
Prova ad informarti. Così anche se ci scappa un caffè in più non è un dramma. :)

jester24 ha detto...

per me vale il giudizio espresso su di lei da linus (di radiodj) che ebbe modo di lavorarci assieme in tv. la definì algida, estremamente antipatica e con una crepa al posto del sorriso. falsa come un cd tarocco. posso aggiungere che non sa fare il suo mestiere e di calcio nn capisce una minchia. Questo basterebbe a farla eleggere in parlamento, temo. ma che nessuno osi a dire che mi rappresenta.

Zoom ha detto...

sei nato a Rozzano?
auguri...
ps
mi citi un candidato di sinsitra- centro-sopra-sotto a cui negli ultimi ventia anni è stato chiesto cosa ne pensasse di pol pot?
ma a me che me frega di cosa ne pensa sta povera disgraziata della shoah?

Matta ha detto...

Commento molto OT, perdonami: sei stato nominato! vai sul mio blog e troverai tutti i dettagli del caso...
ehehehe