venerdì, gennaio 25, 2008

Dexter Seconda Stagione

Il secondo giro di Dexter, i 12 episodi della sisòn ciù, mi sono piaciuti parecchio perché sono un vecchio fan di The O.C.
Di base, l’intreccio del plot principale è identico. Metti Dex al posto di Ryan, Rita al posto di Marissa, Lila al posto di Taylor o di Julie Cooper, e più o meno ci siamo.
Grazie al cielo non ci sono i salti dello squalo visti nella III di The O.C. Comunque, nella sua struttura basilare, la II stagione di Dexter è un Love Drama post adolescenziale con un serial killer come protagonista e la polizia come contesto. Qualche spruzzetto di sangue, tradimenti, bugie, colpi di scena sul piano emotivo, tette, qualche omicidio e le uniche tensioni derivano dal rapporto che lo spettatore instaura con i protagonisti.
Così è almeno fino all’ottavo episodio, dopodichè c’è una parziale inversione a U e si torna a sfiorare alcune delle tematiche presentate nella prima stagione.
Sarò sincero. Ho visto tutti gli episodi perché li avevo tutti a mia disposizione, erano lì, su un bel dvd, completi. Altrimenti, vedendoli puntata per puntata, settimanalmente, proposti dalla tele, sicuramente avrei mollato attorno al sesto episodio.
Meno disturbante della stagione precedente, si perdono le osservazioni di Dex sul mondo che lo circonda, sostituendo il sociale con in personale. L’occhio “politicamente scorretto” di Dex non si rivolge più all’umanità la fuori, ma diventa un costante sguardo interno, alla propria vita, ai propri rapporti amorosi, alle relazioni con le persone che lo circondano.
Gli elementi devianti, si spostano su un tema visuale più istituzionale e da prima serata dirty, ovvero il sesso. Inserendo Jaime Murray, Lila Ficallegra, che non può fare a meno di farti vedere le tette appena può, gigioneggiando con la sua faccetta da porca. Non è male come cosa, sia chiaro, ma l’humor nero del Dex di una volta era sicuramente più originale, meno scontato, splendidamente antisociale.
Per cui, carino, ma imparagonabile alla prima stagione.

2 commenti:

Alex "AxL" Massacci ha detto...

pienamente concorde. Dex poteva tranquillamente interrompersi con la prima stagione. La seconda è bella, ha i suoi lati appassionanti (in particolare ho amato le prime due puntate), ma non ha il carisma della prima. Ecco perchè, nel vecchio post, quando qualcuno aveva parlato di "Dex è un giustiziere" avevo preferito glissare e appuntare la cosa come "quello è un tema della seconda stagione".
Ad ogni modo...
Diè, passa dal mio bloggo che credo ci sia qualcosa che ti piacerebbe leggere

Thomas Magnum ha detto...

D'ah! Quindi mi sbagliavo!
Vabeh...a me quell'occhio interiore piaceva di più dei suoi giudizi universali quotidiani...
è verissimo quando dici che la partenza debole avrebbe fatto mollare chiunque nei passaggi in tv.
Ad ogni modo su le mani per James Doakes ;)