venerdì, ottobre 26, 2007

Diegozilla O.S.T

O.S.T. sta per Original Sound Track.
E’ venerdì, e sto scrivendo come treno, sto scrivendo Dampyr e … (no, per adesso non lo dico) e con la complicità di un ITunes malandrino, ho scoperto che sopporto meglio la fatica ascoltando musica veramente tamarra.
Altro che suoni ricercati e delicati, altro che gruppini fighini ini ini da radicallescicchettosi, con nomi impossibili da pronunciare senza arrotarsi la lingua!
Evviva la zarranza!
Oggi si scrive con a palla la seguente playlist:

Lorna: Papi Chulo
(Ragazzi, ci può essere di meglio della dolce, fine e delicatissima Lorna?)
The Bloodhound Gang – The Bad Touch
(Ma solo nella versione remixata dagli Eifell 65 )
Bad Girls – Donna Summer
(Sì, questa è una parentesi colta, perché dopotutto sono un intellettuale e lo si vede anche da come impenno con la moto)
Chase – Obsession
(Perché non si uscirà vivi dagli anni ’80, ma anche gli anni ’90 non scherzano un cazzo)
Asereje – Las Ketchup
(Questo è un vero inno a Satana, mica l’evimetal, Bestie del medesimo siete avvertiti)
The Sound of San Francisco progressive Mix – Global Playboys
(Forte! Come? E’ un remix di un pezzo classico degli anni ’60?)

5 commenti:

ivanhawk ha detto...

L'hip-hop latino è la roba più truzza che esista! E Papi Chulo domina nella categoria...

S3Keno ha detto...

beh forse l'hip hop romano è ancora più truzzo!!!
eh eh eh ;)

@dieguito:
trattami bene Paoletto, che so che sta x arrivare lì da te!!! saluti & abbracci a tutti!!!

Daniele Caluri ha detto...

Guarda, ci metto il carico da 11: "Telefona", degli Squallor.

AKA b ha detto...

ma ti sei Visto sù mattatoio.splinder ?
quando ti faceVi chiamare Takeschi.

ti ricordi??
ti ricordi???
ti ricordi????

Anonimo ha detto...

Ti consiglio anche "Siamo figli di Pitagora" del buon Gabry Ponte...