lunedì, maggio 14, 2007

Matrimonio!

Le nozze tra il Salone del Libro e Torino Comics, sono andate come dovevano andare.
Noi siamo i Cugini Sfigati, quelli vestiti in acrilico, con la cravatta corta e i calzini bianchi, che per non fare brutta figura con i parenti chic, vengono messi in un tavolo a parte, assieme agli amici conosciuti in palestra.
Evviva gli sposi.
Capisci di essere uno dei Cugini Sfigati quando, a differenza dei parenti chic, sudi come un cammello strafatto di crack mentre parli (di lavoro) con qualcuno dietro al suo stand.
Succederà lo stesso a Moccia, sicuramente anche lui, mentre parla con i suoi fans, ha le mie stesse visione mistiche, l’effetto miraggio all’orizzonte e la maglietta pezzata.
Sarà successo sicuramente anche lui.
Vero?
Tensostruttura da fiera della frittella, dove l’unica cosa che friggeva sul serio erano i coglioni degli espositori, tanto che nell’aria si poteva sentire il piacevole afrore del grasso che sfrigola.
Nebbia, la stessa nebbia a mezz’aria dei film di Ed Wood, solo che non siamo in Bride Of The Monster, siamo (in teoria) in un padiglione della più importante fiera dell’editoria italiana.
Evviva gli sposi.
E mentre cammini verso l’uscita, attraversando il fresco, ordinato, pulito, pettinato, splendido, lucente Salone del Libro, passi di fronte allo scintillante stand della Stracazzo Edizioni, guardi la loro moquette e i loro divanetti e ti chiedi: Sono lì, al fresco, perché sicuramente producono cose più importanti delle nostre.
Noi.
I Cugini Sfigati.

7 commenti:

madmac ha detto...

così imparate a sposarvi, tzè!

alessandro ha detto...

Era tutto preposto a non deludere quelli che volevano vedere i fumettari come creature perennemente sudate e puzzolenti, secondo me.

alessandro c ha detto...

forse qualcuno aveva sparso la voce di un nostro bisogno di dimagrire per l'imminente stagione balneare.
potevano anche ribattezzarla col motto di highlander, ne rimarrà soltanto uno... e, grazie alla mia pressione bassa, quell'uno non sono stato io.

Anonimo ha detto...

E' incredibile come andiamo fieri di essere Cugini Sfigati...è una specie di orgoglio punk...certo, il fatto che tutti i nerd in fumetteria ti guardino come dire "sei dei nostri" non è bello ma quanto ti soddisfa sapere tutto su Frank Miller con gente che ha fatto il classico(e ti ha sempre guardato dall'alto in basso)e che non l'aveva mai sentito nominare prima dell'uscita del film di 300?

Fam ha detto...

Be', magari quelli che hanno fatto il classico sapevano tutto sulla battaglia delle Termopili senza leggere 300. Forse.

marco S ha detto...

In ogni caso si poteva evitare di replicare le condizioni igieniche, delle Termopili.

Fabio... ha detto...

E c'era pure la biBBitara che da sola teneva testa a 300assetati...