lunedì, marzo 26, 2007

Cosecheholetto!

Due Ruote, pedalato da un certo Rik per i tipi della Self Comics, è veramente bello.
E’ una storia romantica dell’ammore, quello che a noi duri ci piace.
C’è un guizzo di sceneggiatura, che qui non dico per non rovinare la lettura a nessuno, ed è una di quelle cose che ti fanno capire quanto sia potente il fumetto come mezzo espressivo e quante cose ci siano ancora da dire, quanti spazi da esplorare e quante cose da far parlare.
Ecco, ho svelato il guizzo, ma tanto, detto come l’ho detto, si capisce e non si capisce…
I Self continuano a sfoderare roba che mi piace un sacco, purtroppo sono troppo pigro per calarmi a pieno nel Self-Mondo, per cui non mi stampo da solo i loro fumetti, come dicono di fare nel loro sito, ma li vado a cercare alle fiere e li compro allo stand.
Sarò vecchio.

Ho imparato, finalmente, era ora, ci voleva, ma che aspettavi, a leggere i manga.
Il movimento al contrario dei miei occhi durante la lettura, non mi fa più venire il mal di testa, e contemporaneamente, questa mia nuova capacità mi ha aperto un universo inesplorato di cose da leggere.
Ultimo arrivato in ordine di tempo: Shamo.
Minchia che botta!

Non ho ancora deciso da che parte stare nella Civil War.
Comunque sia, mi stanno sulle palle i New Warriors.

Tomb Of Dracula, me lo sono comprato tre volte.
La prima volta da piccolo, edizioni Corno, ed è andato perduto assieme alla Palla Pazza che Strumpallazza, lo Slime e il Saloon dei Playmobil.
Poi, in tempi recentissimi mi sono comprato i 4 volumi Essential.
Scoprendo di non conoscere sufficientemente bene l’inglese per apprezzare a pieno la prosa di Marv Wolfman.
Po ho trovato l’edizione Star.
E finalmente mi ritrovo nella gotica atmosfera Marvel anni 70 che ricordavo.
Due cose…
A nove anni, lo scontro tra Dracula e Silver Surfer mi sembrava la più grande figata di tutti i tempi, oggi un po’ meno.
Giano, il figlio di Dracula, mi inquieta oggi come allora.

Don Zauker, letteralmente, mi devasta.
Cado giù dal divano, rischiando il trauma cranico e l’ipossia a causa delle risate.
E’ assolutamente geniale.
Confesso di non aver seguito il lavoro di Daniele Caluri, non posso leggere tutto e qualche volta mi scappa qualcosa.
Qualcosa di molto valido, come in questo caso.
E’ una buona occasione per rimettermi in pari, andando a caccia dei suoi fumetti.

8 commenti:

imp.bianco ha detto...

Ciao!

complimenti per il tuo lavoro e per il tuo blog che è veramente fatto bene! Ho visto che hai scritto alcune storie di Dampyr , è un bel fumetto , ho letto le prime storie....è veramente bello! senti io ho un blog sui fumetti...posso mettere il link al tuo blog? ecco il link del mio http://blog.libero.it/X3/

p.s.:dal blog capirai da quale parte sto io in Civil War!

X-Bye

imp.bianco ha detto...

Ciao!

complimenti per il tuo lavoro e per il tuo blog che è veramente fatto bene! Ho visto che hai scritto alcune storie di Dampyr , è un bel fumetto , ho letto le prime storie....è veramente bello! senti io ho un blog sui fumetti...posso mettere il link al tuo blog? ecco il link del mio http://blog.libero.it/X3/

p.s.:dal blog capirai da quale parte sto io in Civil War!

X-Bye

Davide Barzi ha detto...

Diamo a Cesare quel che è di Cesare e a Emiliano quel che è di Emiliano: se Don Zaucker è il fenomeno che è, lo si deve certo all'ottimo Daniele, ma nondimeno al Paganiemiliano! Uno sceneggiatore non può dare più importanza al disegnatore! Io, nella Civil War, sto dalla parte degli sceneggiatori!
E dei nani in fiamme, certo.

Diego Cajelli ha detto...

Chiedo perdono e clemenza!

Diè!

Davide Barzi ha detto...

Perdono e clemenza ottenuti, sono valori che ho imparato proprio leggendo Don Zaucker e seguendo i suoi dettami e il suo esempio!

Luca V. ha detto...

e sempre un piacere e anche un onore (mi sbilancio) ricevere i tuoi complimenti. Presto faremo degli workshop di stampa-piega-pinza a cui non potrai mancare!

abbracci.

Paguri ha detto...

Grazie a DavideBarzi per aver preso le mie difese, e quelle della categoria alla quale appartengo, gli onanisti...ehm, no, cioè, volevo dire, gli sceneggiatori.
E soprattuto grazie a Diegozilla per i complimenti, anche se trasversali.

Paguri ha detto...

Ah, ho dimenticato di firmarmi, e di ricordare a Davide che Don Zauker si scrive senza la "C".
Emiliano.