martedì, agosto 22, 2006

35 – Effetti Collaterali

Preparatevi, è terribile.
Ho trentacinque anni da meno di un mese e…

Con sgomento mi sorprendo a canticchiare “Il Mondo Nuovo” di Neffa mentre lavo i piatti.

Un paio di settimane fa, spostando un iniquo oggetto dal peso inferiore ai trenta Kg vengo colpito dall’epico Colpo della Strega.
Mi sveglio il mattino dopo agile come Washington sul monte Rushmore.
Non basta.
Per curarmi devo mettere una pomatina (oddio!) e dei cerottoni medicati (aahh!) e degli antinfiammatori in pastiglie, anzi no, in capsule perché non contengono lattosio, a cui, si sa, sono intollerante (eeyyaarghh!)
Non basta ancora.
Mi curo con estrema regolarità, preciso negli orari e nei cambi di medicamento.

Quando mi sveglio nel cuore della notte per bere, anche se nessuno mi vede, uso il bicchiere.

Ammiro molto Tom Sellek la mattina in tivvù.

Oggi, una ragazzina al supermercato mi ha detto:
- Mi scusi, signore, può prendermi quel flacone di ammorbidente che non ci arrivo?
Pensavo:
1) Signore a chi?!
2) Che cazzo ci faccio nel reparto detersivi?… A già, sono finite le spugnette… Eh?… Come mai so che sono finite le spugnette anche se sulla lista non c’è scritto?… Cazzo.

Qualsiasi programma trasmesso da MTV mi rende più idrofobo di Cujo morso sul muso dai pipistrelli.
Però se vedo un gruppo che mi piace, mi segno il nome.
Ultimo caso, i Wolfmother.

Il ritornello di “Killing me Softly” lo canto chiudendo gli occhi.

Per ora, sono cosciente che la cosa più triste dell’emisfero occidentale è un marsupio messo a tracolla, per cui, per adesso, sono in salvo.
Però, se un domani mi vedere scorrazzare con il marsupio di traverso tra le ciccie, sobbalzante sulla panza, mentre in tuta e ciabatte visito un centro commerciale la domenica pomeriggio, vi autorizzo a spararmi.

6 commenti:

mucio ha detto...

Grandissimo post. Ahahahah.

alessandro ha detto...

I wolfmother sono ottimi. E hanno dei titoli che nemmeno gli spinal tap!

a.

Willy ha detto...

Ho riso fino alle spugnette. Lo stesso brivido di amara autoconsapevolezza l'ho avuto con l'anticalcare per il cesso.
Ti sono vicino in questi momenti difficili. Ovviamente senza marsupio.

nomad ha detto...

A novembre tocca me. Mi sento male :-(

Antonio ha detto...

Diego, io ho 35 anni e sono pure sposato. Gli acciacchi dell'età magari stanno arrivando (e simpatizzo), ma i Wolfmother non te li posso proprio perdonare...
Stai proprio invecchiando! :-)

Vlad Frosa ha detto...

Caro Diego, allegro!
A me sono già alcuni anni che accadono cose simili. il bello è che prima accadono prima si arriva alla senilità e all'oblio... quindi non ti accorgi più di niente e il problema più grosso è chi ti lava il culo domattina.

Nel mezzo però ci manca un pò di roba.

Ah, volevo dirti che sono già arrivato alla soglia del marsupio a tracolla (ma resisto sugli infradito!)ma per poter capire come un essere umano si pieghi a cose simili ti manca l'ultimo tassello e poi capirai tutto: devi avere un figlio (o una figlia la scelta alle due incognite).
Con un figlio sei scusato di qualsiasi cosa indossi o qualsiasi azione tu faccia.
Si indossano ciambelle con la paparella la domenica pomeriggio in spiaggia libera, quando c'è il pienone, puoi girare con gli indumenti macchiati (ma solo fino a che il pargolo è sotto i 5 anni, altrimenti sei poco credibile).
In pratica comincia la discesa che si assesta intorno all'età della pubertà §(quella dei figli, non la tua che, ahimè, temo ormai superata).
Comunque se ti ci abitui non è male. Oltretutto non farti problemi per il tempo che un bimbo ti ruberebbe alla scrittura; Stephen King scrisse i suoi primi capolavori mentre viveva in roulotte con due bimbetti petulanti!

Ciao!
Vlad Frosa (mitico Zagor!!!)