mercoledì, marzo 15, 2006

Visti e letti.

Fragile
Inizia il film, vedere Ally McBeal in un Horror fa uno strano effetto.
Tra l’altro, nel frattempo le è anche caduta tutta la faccia e sembra un po’ uno Sharpei.
Comunque, ho sempre paura dei film con i fantasmi.
Lo guardo e sono un po’ teso, però mi dico:

Okay, lo sapevo…
Evabbene
Già
Okay, visto…
Però..
A un certo punto, c’è “La Trovata” e la suddetta trasforma un filmetto in un film piuttosto interessante.
Poi si arriva al finale, tremo aspettandomi che caschi a pera nelle ultime scene, ma è un film spagnolo per cui il finale è adeguato e va bene.

Il Punitore: Madre Russia
Uno dei Punitori più belli in assoluto.

Vita da Strega
con la Kidman e Will Ferrell.
Il DVD è stato lanciato via dopo minuti 18.

Bukowski, Storie di Ordinaria Follia
Adattamento a fumetti di Shultheiss
Era da un po’ di tempo (da quando ero teenager) che non bazzicavo nel mondo di Hank.
Lo ritrovo denso e potente nelle tavole di questo fumetto edito da Coniglio.
Le tavole sono potenti, trasudano vino e atmosfera, altissima bassezza e scorci bukowskiani.
Nel complesso è ottimo, tanto ottimo da farmi tornare la voglia di riprendere in mano le antiche letture.

Gipi
Hanno ritrovato la macchina.
Gipi è diventato il mio metronomo della cattiveria.
Tic tac tic tac tic tac, e via in un crescendo.

Ian McEwan
Cortesie per gli ospiti
Qualcuno disse che lo scrivere è telepatia, in questo caso di più…
Cortesie per gli ospiti è un ritratto di coppia che a volte, è il ritratto di tutte le coppie, c’è qualcosa di tremendamente vero per tutti, soprattutto nella parte iniziale.

Pantera Nera: Chi è Pantera Nera?
Yo!
Mutthafukkabaddapimpmyride!
E’ scritto da un nero e lo si avverte virgola dopo virgola.
Molto divertente (nel senso buono) tutta la parte in flashback, per il resto, è davvero interessante notare come le più accreditate ipotesi di complotto ormai siano patrimonio dell’editoria mainstream.

Zagor
Un Lord a Darkwood (e seguito e successivi)
Avventura con la “A” maiuscola di Mignacco.
Molto molto piacevole, divertente ed esotico, impossibile non immedesimarsi nel “lord” del titolo.
Si attacca molto bene alla saga nipponica seguente, scritta da Burattini e se ci mettiamo anche John Doe, possiamo dire che l’edicola è stata invasa dalle truppe del sol levante.

Mrs Anderson Presents
Commediola così così che non decolla e di conseguenza non può precipitare.

LOST.
Diciamocelo.
L’unico sviluppo possibile è quello sovrannaturale.
Vedremo.
Ma se è: “tutto un sogno” “sono tutti morti” eccetera, mi verranno i brufoli sulla schiena, la schiuma alla bocca e per autopunirmi guarderò solo televendite.

7 commenti:

fracartina ha detto...

per quanto riguarda Lost:
a quanto pare a termine della prima serie ancora non si capira una "mazza"
nessuna possibile soluzione, ma migliaia di ipotesi.
Cmq pare che sia destinato a diventare più bello mano a mano che prosegue...
speriamo bene.

Anonimo ha detto...

non c'entra niente, ma c'hai fatto caso che quello che fa il figlio di Peter Gallagher in O.C. è il primo fidanzato di Lane in Gilmore girls, quello che la signora Kim costringe a suonare inni sacri per otto ore?
ventu

dario dp ha detto...

LOST
Io sono a 1/3 della seconda serie.

la prima serie è tutta bellissima.
la seconda funziona ma sta prendendo una direzione che non mi piace troppo... non vorrei che finisca come alias 3 :(

Anonimo ha detto...

Lo sai? Mi stai rendendo sempre più difficile essere fiero di non possedere un televisore. Primo, perché molte delle cose che piacciono a te finiscono per piacere anche a me (non è sempre vero il contrario... a meno che tu non abbia cominciato a comprare album di musica folk in francese), ma anche perché di solito arrivo in ufficio e Luca fa "Visto Lost ieri?", quando non mi viene una bestiale curiosità grazie ai tuoi post.
Devo rimediare. C'è gente che vive in mezzo alle cose del mondo e guarda fuori, c'è gente che vive fuori dalle cose e guarda dentro... io mi sento uno che vive al confine-tra-dentro-e-fuori e si guarda l'ombelico.
Storica decisione: devo proprio comprare un televisore.

michele.

dario dp ha detto...

per vedere lost non serve il televisore, basta un mulo :)

Anonimo ha detto...

Sì, ma io ho bisogno di sincronicità con il cervello di Diè. Quando i nostri cervelli ascoltano le stesse cose, poi fanno bellissima musica insieme.

michele.

alessandro ha detto...

In Madre Russia Ennis riesce a essere quasi bravo come Altieri. Davvero un albo di una potenza sconvolgente. La svolta "realistica" dopo aver esaurito le possibilità del grottesco sta facendo davvero del bene alle storie del vecchio Frank...

a.