mercoledì, giugno 08, 2005

diegolo4

E’ giusto rinunciare ai propri sogni per ragioni mitocondriali?



Gli eventi, i personaggi, le serate consigliate dalla redazione, «il mondo» di Diegolo e uno spazio speciale per i vostri più creativi sms. Ogni Mercoledì nella sezione Cultura e Tempo libero di Diegozilla una pagina dedicata alle notti della città.


Una cinquantina di persone elegantissime, vestite di nero, completi dal taglio classico e occhiali da sole, erano favolosi!
Una di quelle scene che si possono vedere solo a Milano, maschi nobili, silenziosi, che sfilavano sotto casa mia l’altra sera, la prossima volta che organizzano un corteo così elegante voglio andarci anche io.
Guarda che è un funerale, mi ha detto il mio amico Genaro.
Ma, no! è una manifestazione in onore del Mercedes che apre la fila, ho risposto io, che conosco bene questa Milano stupefacente e inusitata, affamata, insalata.

Genaro ha un grosso problema, ed era venuto a casa mia per confidarsi con me.
Lui, fino all’altro giorno faceva un lavoro molto impegnativo: Il figlio di miliardario, poi la tremenda notizia, avrebbe presto cambiato professione diventando: padre miliardario, dato che il suo è un lavoro che si tramanda, aveva capito subito che doveva rinunciare al suo grande progetto.

Genaro si stava preparando a stupire il jet set con un evento cool veramente avant, la sua idea brillante, maturata in lunghe session su un sofà nel suo quadrilocale in via della Spiga, non vedrà mai la luce.
Maledetta la biologia, nemica del futuro, quante cose che Genaro non farà!
La sua idea era geniale e pratica, aprire un trendyssimo agriturismo a tema, un club esclusivo, una Cascina Occupata Privata nelle campagne milanesi.

Aveva trovato il posto adatto, dodici villette a schiera che aveva comprato e fatto disintegrare a modo da una troupe di muratori bergamaschi, settanta cani Levrieri, che con un effetto speciale della Industrial Light e Magic sembravano sporchi ma non lo erano, un Brunello di Montalcino modificato geneticamente per essere bevuto nei bicchieri di plastica e trenta posti letto dal design aggressive.
Pazienza, sarà per un’altra volta, perché le idee cambiano, le mode passano, ma i miliardi, per fortuna, quelli restano.

1 commento:

mucio ha detto...

Grande idea, ma come mai non si può realizzare?