martedì, maggio 17, 2005

Il conto, grazie...

La notizia è di ieri, è una di quelle notizie che a me fanno riflettere abbastanza, non voglio fare sempre la parte del rompipalle, però mi sembra assurdo che nessuno dica niente, anzi, il pensiero comune che si sta diffondendo è che se li merita.
Se li merita chi e se li merita cosa?
Bonolis e i 45 milioni di euro che prenderà in tre anni adesso che è passato a Mediaset.
Allora, ammesso che sia bravo, ammesso che sia il più bravo, ammesso che come lui non ci sia nessuno, vale davvero tutti quei soldi?
Molto più di un Nobel?
Il mio amico Enzo ci metterebbe duemilacinquecento anni a guadagnare quella cifra, ma Enzo è uno sfigato come noi…
Tom Cruise invece no.
Dati alla mano, ecco i compensi più alti delle star di Hollywood:
Tom Cruise: 20 milioni
Tom Hanks: 20 milioni
Bruce Willis: 18
Robert DeNiro: 12
Julia Roberts: 20
Cameron Diaz: 19
Nicole Kidman: 13
Angelina Jolie: 15
Per cui, è più conveniente ingaggiare Tom Cruise e Robert DeNiro nello stesso film, piuttosto che tre anni di Paolo in prima serata.
Uno può dire, cazzi di chi lo paga.
Vero, adesso bestemmio: Guardate che a pagarlo, siamo noi.
Ahh!
No!
Non è veero!
Anche i film li paghiamo noi!

Sicuro, ma io scelgo di pagare per vedere un film, mentre quella cifra mirabolante, si riflette in modo trasversale sulla mia vita, anche se non possiedo una Tv o scelgo di non vedere Paolino.
Mi spiego meglio:
Un film “incassa”, nel senso che caccio fuori una montagna di grano per farlo, poi lo faccio uscire in tutto il mondo, la gente sceglie di andare a vederlo, di comprare il dvd, vendo i diritti per la trasmissione via cavo eccetera, in sostanza, un film ha un prezzo, viene venduto e sulla base di quel venduto io determino il suo valore commerciale.
Ma una trasmissione tv la pago io comunque, anche se non la vedo, comprando le merci che fanno pubblicità in quella trasmissione, o comprando le merci che NON fanno pubblicità ma devono adeguarsi alle altre, è l’intero sistema economico ad essere condizionato dalla catena della tv commerciale.
Per pagare Paolino, significa che il suo faccione vende, l’audience che alza è relativa agli spazi pubblicitari che ci sono all’interno, o prima o dopo quello che fa, per cui…
I 45 milioni che si becca sono garantiti dalla pubblicità dell’acqua minerale, dei quattro salti in padella, della crema per il culo, della mozzarella di bufala, della schiuma da barba.
Sono loro a pagare il cachet del mirabolante.
In più, se hanno deciso di pagare quella cifra con la mano destra, è perché sanno di poterla coprire con gli spot, dato che a vedere gli spazi pubblicitari nelle televisioni è la loro mano sinistra.
Alla fine di tutta la catena, sono io che compro la schiuma da barba, e forse, costerebbe un decimo se il suo prezzo non fosse proporzionale alla campagna pubblicitaria che deve sostenere.
A me piacerebbe pagarla un po’ meno la roba che compro all’Esselunga, ma gli spot torrenziali sulle reti nazionali costano un casino, e poi bisogna pagare Paolino, ergo…
Pagatelo di meno e fatemi fare la spesa senza dover tenere in mano la calcolatrice.

5 commenti:

Anonimo ha detto...

guarda,l'ho fatto anch'io sto ragionamento, e mi sta proprio in c£$o sta faccenda..non se li merita, o almeno:se anche chi se li merita ne avesse così tanti, non sarebbe un problema,ma se dev'essere solo lui ad averne così tanti,allora non se li merita!l'unica consolazione è che il buon bonolis non potrà spendere tutti quei suoi soldi,ne ha troppi,quindi non riuscirà a godere fino all'ultimo centesimo....eh.
lo preferivo a pelar patate accanto a Uan.
ma puoi evitare l'esselunga?...io ho scoperto il mondo del discount,magari i succhi alla pera lì non sono eccezionali ma ci trovi certi biscottini tedeschi mica male!!!
Valentina

alessandro ha detto...

...
applausi a scena aperta, da parte mia.

a.

ottokin ha detto...

Che vuoi che ti dica, il mondo ormai gira in questo senso, e gira sicuramente male, mi viene anche da pensare che se non avessimo visto Bim Bum Bam da piccoli ora non staremmo così. Comunque resta il fatto che nessuno al mondo prende quanto dovrebbe, che tu, caro il mio Diego sei senza dubbio un Genio, come ho scirtto anche da me.

http://bloggokin.blogspot.com/

ciao a tutti

Amico di amici ha detto...

Mh... c'è qualcosa che non mi convince nel tuo ragionamento. Mettiamo che ora Canale 5 faccia un "Bonolis Show" con spazi pubblicitari molti costosi. Ebbene questo non vuol dire che io, azienda X, deciderò automaticamente di aumentare il budget che riservo alla pubblicità solo per comprare quegli spazi. Il mio budget non è proporzionale al costo degli spazi, ma dipende dalle mie disponibilità.
Se Canale 5 farà pagare molto gli spazi di "Bonolis Show", semplicemente sottrarrà parte delle risorse che altrimenti andrebbero ai concorrenti, es. alla RAI.

boris battaglia ha detto...

farsi la barba con il sapone e il rasoio di sicurezza invece della schiuma e l'usa e getta, cucinarsi un risotto o due spaghetti invece di riscaldare quattro salti nel microonde (ci metti un po' di più ma puoi impegnarci il tempo che passseresti davanti al telvisore),il culo lavarlo nel bidet o sotto la doccia e poi usare la crema essex (la base di ogni crema emolliente)invece di qualsiasi marca pubblicitaria, bere acqua del rubinetto (ci guadagni anche in salute)e le mozzarelle, se capita andarle a prendere direttamente a salerno.
La vita migliora e i paolobonolis si fottono

sciao
boris