martedì, novembre 16, 2004

Milano Violenta!

Oggi su Repubblica:

Milano, rissa in una discoteca un morto, un altro è grave.
E' scoppiata nella notte nei Navigli: la persona deceduta è un nordafricano.
Gli abitanti hanno chiamato la polizia

E poi anche il Corriere, con maggiori dettagli:

L'assassino è stato rincorso e picchiato da amici della vititma.
Milano, spara e uccide un 18enne in discoteca
L'episodio intorno alle tre di notte in una discoteca sui Navigli. L'arma, una calibro 9, è stata ritrovata dai carabinieri

MILANO - Un morto e un ferito a Milano, nella frequentata zona dei Navigli. Poco dopo le due e trenta di questa notte, un uomo è entrato nel club privato Escargot, in via Ludovico il Moro, e ha sparato al petto contro un ragazzo. Poi l'assassino è fuggito e ha gettato l'arma, una calibro 9 risultata rubata. La pistola è stata ritrovata dai carabinieri, intervenuti dopo che alcuni abitanti del posto, spaventati dalla sparatoria, avevano chiamato il 112.
PIANTONATO - Le persone presenti all'interno del locale, per lo più nordafricani, hanno inseguito il killer e lo hanno aggredito. L'uomo, 34 anni, marocchino, è stato lasciato a terra a 200 metri dal luogo del delitto, ridotto in gravi condizioni. Ricoverato all'ospedale San Carlo, non è in pericolo di vita, ed è piantonato dai carabinieri di Milano che indagano sul delitto. La vittima è Abdelgani Firri, anch'egli marocchino, di 18 anni. E' morto poco dopo essere stato trasportato all'ospedale San Paolo.


In effetti, ieri notte, dopo aver scritto in cucina fino alle tre, mi sono infilato nel letto di fianco a Federica che dormiva.
Fuori, un gran casino di sirene e macchine che sgommavano.
Comunque, per la cronaca, quel postaccio è molto lontano dalla Darsena e da casa nostra, è un fetido club privè molto in fondo alla Lodovico il Moro, con i vetrina i manifesti tristi di baiadere stanche.
Luci al neon poco brillanti, polvere e un'aria generale da nait cleb esteuropeo.
Era molto lontano dalla "frequentata zona Navigli", e non era esattamente una discoteca.
Per cui tranquilli, il vostro Diè preferito non rischia la vita e non vive nel bronx fluviale di Milano!

Nessun commento: